Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Falzerano spinge il Grifo: “Centriamo i play off e ce li giochiamo alla grande”

Il centrocampista biancorosso guarda oltre l’emergenza Coronavirus nella speranza che l’Italia si possa rialzare in fretta e il calcio torni il prima possibile. “A Perugia sto benissimo, sento l’affetto dei tifosi”

Dopo aver descritto il rapporto con Cosmi e la “musica portata dal tecnico nello spogliatoio”, Marcello Falzerano riguarda da vicino le ultime settimane in casa Grifo.

La crisi di febbraio, il ruolo nel nuovo 3-5-2 biancorosso, il rapporto con i tifosi, l’astinenza da gol e gli obiettivi ancora raggiungibili.

Le cinque sconfitte

“È complicato capire il perché, per questo ci concentravamo soprattutto sulla soluzione per tornare a fare punti. Ci siamo solo messi a lavorare, impegnandoci al massimo. Ma, ad oggi, non siamo usciti dalla crisi. Abbiamo fatto una vittoria con la Salernitana ma siamo ancora lì in classifica e gli obiettivi iniziali erano ben altri. Sperando che si riprenda prima possibile, dobbiamo fare molto di più”.

Egoismo?

“In tutte le squadre c’è chi ha un po’ di voglia di protagonismo, è normale. Un gruppo forte dà la giusta importanza a queste cose, non penso sia stato il problema e non so il presidente a cosa si riferisse parlando di egoismo. Di certo andare in ritiro c’ha fatto mettere a fuoco l’importanza della partita, per arrivarci la tensione giusta. Ma non basta. Una squadra forte vive in funzione della partita anche senza ritiro. Questo è un aspetto che dobbiamo migliorare, io in primis. La mentalità fa più la differenza della tecnica”.

Il ruolo

“Sono certamente una mezzala atipica, ma non mi sento adattato. Mi piace giocare in quella zona di campo sfruttando le mie qualità. Il 3-5-2 di Cosmi si avvicina molto al sistema in cui giocavo nel Venezia, mi piace molto giocarci”.

La corte di Inzaghi

“Sono troppo felice della scelta di venire a Perugia. Sento l’affetto dei tifosi. L’ambizione fa parte di ognuno di noi ed è normale aver pensato al Benevento, c’era stato un contatto con il mister Inzaghi ma la trattativa non era andata a buon fine”.

Niente gol

“È la squadra tutta insieme che arriva vicino alla porta. Anche qui è una questione di mentalità. Ancora non mi sono sbloccato quest’anno, un po’ di gol me li sono mangiati”.

Si può fare

“Con lo stesso spirito dimostrato dopo la settimana di ritiro possiamo rientrare nei play off. E per giocarceli alla grande”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ma forse non hanno capito che il campionato è terminato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

🤦‍♀️🙏

Michele
Michele
2 mesi fa

Anche il mi’nonno se c’aveva tre palle era n’flipper!

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio