Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

De Maria in smart working per tenere “caldo” il Perugia

“Proviamo a metterci una toppa ma per allenare il calcio bisogna fare calcio”. Il preparatore atletico dello staff di Cosmi racconta gli strani giorni dell’emergenza coronavirus: “Ai ragazzi invio video giornalieri”

Serve la sfera di cristallo per capire come potrà rinascere la stagione sportiva e, se ci sarà un nuovo punto di partenza, gli staff tecnici avranno bisogno di tirare fuori delle vere magie per tenere alto il rendimento fisico.

Il Perugia e Serse Cosmi si affidano a Manuel De Maria, diventato fedelissimo del tecnico ponteggiano dalla straordinaria annata di Trapani e ora a capo dei preparatori biancorossi. Romano doc, De Maria sta vivendo a Perugia, insieme alla compagna, l’isolamento per l’emergenza coronavirus.

Anche il calcio è in modalità smart working. “Non mi annoio – dice il preparatore del Grifo -, le mie giornate scorrono preparando le sedute per i calciatori. Mi alleno creando i video dimostrativi che poi invio ai ragazzi insieme alle schede di lavoro. Si tratta comunque di programmi per non far scemare lo stato di fitness. Il calcio è una cosa seria, non si può allenare da casa. Al massimo mettiamo una toppa”.

La stagione resta appesa alla speranza di ripartire e, in un contesto così unico, diventa ancor più determinante la condizione in cui si ripresenteranno le squadre. “Sarà un mini torneo e una grande sfida perché la classifica è delineata ma tutti ripartono da un punto zero: dovremo proporre carichi graduali e specifici”. De Maria spiega anche che “già da febbraio, secondo i nostri parametri, i ragazzi erano in uno stato di forma ottimale”. Ora “per gli adattamenti ci vogliono da 15 a 21 giorni, speriamo di ripartire da dove abbiamo interrotto”.

De Maria, 32 anni, guida lo staff di preparatori composto da Andrea Arpili, Luca D’Angeli, Matteo Valeri e il “riatletizzatore” Gianluca Carboni. Con Cosmi il rapporto è nato nella stagione magica di Trapani (2015-16) per poi proseguire ad Ascoli e Venezia. Laureato in Scienze Motorie, il professore biancorosso vanta una proficua esperienza di 7 anni nel settore giovanile della Lazio. Ha vinto anche una Coppa Italia Primavera con Simone Inzaghi e ha collaborato con la prima squadra dell’allora tecnico Petkovic.

Tanti i grifoni che danno risposte importanti. “Ognuno ha la sua eccellenza. Ad esempio, è vero che Falcinelli fa 13 chilometri a partita, poi magari Falzerano e Nicolussi sono al top per indici di forza”. È comunque “di squadra” il metodo di lavoro dello staff di Cosmi perché “non c’è separazione tra atletica e tattica, cerchiamo di allenare il calcio facendo calcio”. Il protagonista è unico. “Lavoriamo solamente con la palla”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "io abitavo a Elce in via Torelli e Cecca era mio vicino di casa. ricordo un uomo vero in campo e fuori sempre rispettoso e disponibile un calcio d'..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio