Resta in contatto

News

Grifo, addio Rajkovic: storia e retroscena di un matrimonio finito (e iniziato) male

La vicenda del granatiere serbo fuggito nella notte e tornato a gennaio, poi il flop nel rendimento e la nuova fuga per la Russia alla vigilia dei playout dovuta al mancato ambientamento e… ad una clausola

Слободан Рајковић. Ovvero Slobodan Rajkovic. Il cirillico è di difficile comprensione per i tifosi del Perugia come il perugino lo è stato per lui, il centrale di Belgrado arrivato a gennaio dopo un lungo tira e molla con la società biancorossa, che si è rivelato un flop nonostante le indiscutibili qualità fisiche e tecniche di un granatiere che aveva già dimostrato ottime cose nel Palermo e militato nelle fila di prestigiosi club europei come Amburgo, Vitesse, Chelsea, Twente e Psv Eindhoven. Vero è, indiscutibilmente, che il lockdown ha fatto la sua parte in negativo per fermare la crescita di condizione di un giocatore molto pesante fisicamente e dunque bisognoso di tempo per poter entrare nei giri giusti; ma è altrettanto vero che la vicenda perugina di Rajkovic è la dimostrazione di come nel calcio gli stimoli e le motivazioni siano davvero tutto.

Nella vicenda naturalmente ha avuto un ruolo importante anche il primo voltafaccia di Rajkovic. Ricorderete, sbarcato in sede per la firma e le visite mediche, preferì filarsela nella notte richiamato (allora per la prima volta) dalla possibilità di firmare per un club russo. Poi il dietro-front, le scuse e il ritorno a Perugia, l’accordo, il contratto, le promesse. Ma in questi mesi, complice anche l’esplosione del covid-19, Rajkovic non è riuscito assolutamente ad ambientarsi. Anzi. Al campo lo si vedeva spesso imbronciato, scontroso, addirittura nervoso. Al suo attivo ci sono state soltanto 12 presenze, spesso abbastanza impalpabili è sicuramente mai determinanti dal punto di vista della personalità che gli si chiedeva un reparto difensivo, quello di Cosmi, che ne aveva bisogno come il pane a causa dei continui infortuni.

Il giorno del suo ritorno al posto di Serse, Oddo deve avere pensato: ‘Finalmente posso allenare anche Rajkovic’, che aveva atteso a lungo prima dell’esonero per il salto di qualità. E invece no, ecco il nuovo colpo di scena, ecco l’addio stavolta definitivo. Rajkovic ha rescisso il contratto con il Perugia e se ne è volato finalmente in Russia, dove lo attendeva un contratto pronto con la Lokomotiv Mosca. Alla faccia dei play out, disinteressandosi totalmente della possibilità di aiutare i compagni nelle due partite più importanti della stagione, quando sarebbe bastato aspettare pochi giorni. Sin qui, storia nota.

Il retroscena è il seguente: nel contratto stipulato a gennaio con il Perugia, il difensore serbo aveva preteso che venisse inserita una clausola: quella di essere lasciato libero immediatamente qualora fosse arrivata un’offerta da parte di un club di serie A, non importa di quale campionato. Così è stato, addio Slobodan. Anzi, addio Слободан Рајковић. La conferma di un matrimonio nato male e di un divorzio che, non ce ne voglia Rajkovic, arriva davvero senza rimpianti.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Faccio sciopero non parlo più del Perugia, finché c’è questa proprietà.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Cesare ma seancora così cattivo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Zingaro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Speriamo che la squadra giochi la partita ma ci credo poco lo spogliatoio è spaccato e la tirano

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Mercenario e pure scarso

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Società dilettantistica

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Gra nitiere!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Andasse a … lui è chi ce l’ha portato

Marco
Marco
10 mesi fa

Quando a gennaio scappò..in conferenza stampa alla domanda “purtroppo Rajkovic non è arrivato alal fine”… Serse rispose “Per fortuna non è arrivato, se dovevea venire senza motivazioni è meglio che non venga”….
Aveva capito tutto….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Chi la preso dopo che fatte le visite se ne andato ,deve cambiare mestiere .Un giocatore che torna indietro perché non lo cerca nessuno e noi lo prendiamo ripeto deve cambiare mestiere e nel magico Grifo ce ne sono tanti.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Ma gisse aff….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

un matrimonio che non doveva mai essere nato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Molto legato alla maglia….

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News