Resta in contatto

Le pagelle di Calciogrifo

Gubbio-Perugia 3-2: poco Melchiorri, Fuli flop

Il derby al Barbetti l’hanno portato a casa i rossoblù, al Grifo non sono bastati il vantaggio di Murano e il gol allo scadere di Angella: queste le pagelle biancorosse di calciogrifo.it

FULIGNATI 4.5

Dal paradiso, con il miracolo su Malaccari (33′), finisce nel girone infernale con l’enorme incertezza sulla punizione di Pasquato che porta al ko. Pure beffato dallo scavetto di Pellegrini e tre palloni raccolto nel sacco. Altro flop.

ELIA 5.5

Probabilmente il deficit di energie ne condiziona la brillantezza, soprattutto quando si tratta di sfondare sulla trequarti.

ANGELLA 6

Fisicamente non c’è partita con nessuno, prende il prendibile ed è l’ultimo a mollare con il gol allo scadere, però inutile.

VANBALEGHEM 5,5

Riannoda il filo con l’ultimo match per proseguire da centrale difensivo. Non è facile prendere le misure a un baby Pellegrini così in palla: fa quel che può.

FAVALLI 5

Con le buone o con le cattive per arginare la freschezza dei rossoblù. In costante affanno, capitola definitivamente nella ripesa. Il cross del 2-3 non medica la ferita.

KOUAN 6.5

Strappa palloni agli eugubini e avvia l’azione del vantaggio. Cresce quando gli altri calano, è l’unico a centrare i tempi del pressing per smorzare la verve degli uomini di Torrente.

MOSCATI 5,5

Si spende per limitare il raggio d’azione di Pasquato, finisce però per nascondersi fra le maglie rossoblù e il lavoro resta troppo oscuro.

SOUNAS 5.5

Solite frequenze altissime, con un tocco di troppo spreca un invitante tre contro due (62′) e colleziona l’ennesima prestazione incompiuta.

MINESSO 6

Ispira il vantaggio, il sinistro prima dell’intervallo non è letale. Pochi tocchi ma buoni e la capacità di sacrificarsi in più zone del campo.

MELCHIORRI 5

Appannato, e anche gli spazi a disposizione si fanno stretti per una mancanza di ispirazione e precisione. Fa troppo poco per lasciare il segno.

MURANO 6,5

Timbra ancora in un lampo: scatto, velo, tiro e tap-in sulla respinta del portiere. Al nono centro stagionale non abbina il colpo del ko con un destro piazzato, da posizione gustosa (65′), che sbatte contro un avversario.

VANO 5.5

(dal 60′ per Melchiorri) Un buon appoggio per Murano, una traversa in fuorigioco e ancora quella sensazione di ridotta incisività nonostante la stazza.

BURRAI S.V.

(dal 78′ per Moscati) La squadra è in fase di shock e non la rianima.

BIANCHIMANO S.V.

(dall’84’ per Kouan) Il match è segnato.

CASERTA  5,5

Gli infortuni si stanno mangiando l’ampia rosa ma l’1-1 è la conseguenza di una squadra che anche sulle palle inattive prima guarda e poi aspetta. Non funziona il tentativo di gestione di una gara che andrebbe aggredita.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calciogrifo