Resta in contatto

News

Grifo Fermo al palo: addio promozione diretta

Il Perugia si porta in vantaggio con Elia e poi viene raggiunto dalla Fermana con Boateng (1-1). Due legni colpiti dai grifoni. Sprecato il jolly del recupero, la vetta resta a sei punti

Game over, al Recchioni cala il sipario. Il Perugia non esce vittorioso dalla tana della Fermana, non sorpassa il Sudtirol e accorcia di una solo punto sul Padova. A cinque partite dalla fine, sono sei i punti di distacco tra la vetta e il Grifo che ora avrebbe bisogno di un vero miracolo per continuare a sperare nella promozione diretta.

I biancorossi pagano caramente i cinquantacinque minuti giocati con un uomo in meno a causa dell’espulsione di Vano. Dopo una frazione ben gestita, in cui i grifoni avevano sia trovato il vantaggio che creato diverse occasioni per il raddoppio (due pali colpiti da Falzerano), il Grifo attacca in modo sterile. Troppe scelte sbagliate nei pressi dell’area della Fermana frutto della stanchezza per le partite ravvicinate e degli sforzi che con un uomo in meno sono raddoppiati. Nell’assalto all’arma bianca, il Perugia va più vicino a subire, dopo il gol di Boateng, la rimonta che a segnare la seconda rete. La squadra dell’ex Cornacchini ha sui piedi prima di Urbinati e poi di Neglia l’occasione non sfruttata del gol partita. Alla fine il Perugia prova il tutto per tutto schierandosi con una difesa a tre con il solo Monaco come centrale di ruolo e tenendo in campo contemporaneamente Minesso, Bianchimano, Melchiorri e Falzerano. Niente da fare, il Perugia prende un solo punto e dice praticamente addio alla promozione diretta.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Roberto
Roberto
5 mesi fa

Soliti ridicoli! Non c’è niente da fare: da una società ridicola non possono venire che risultati ridicoli.

Mauro
Mauro
5 mesi fa
Reply to  Roberto

Cambia sport allora

Roberto
Roberto
5 mesi fa
Reply to  Mauro

Ma tu, oltre a dire “cambia”, “cammina”… sei in grado di formulare un tuo pensiero: la vedo dura!

Mauro
Mauro
5 mesi fa
Reply to  Roberto

Ascolta te penza per te.. Io dico ciò che voglio senza offendere nessuno non ti va bene?

Grifone Fontivegge
Grifone Fontivegge
5 mesi fa

Quello che mi preoccupa è che quando ci sono occasioni, le perdono sempre. Oggi avremo pure avuto un arbitraggio di serie C con l’espulsione dopo 2 minuti dall’ingresso, ma la gomitata di Vano è stata da serie D. La squadra c’è pure, ma è corta. In ottica playoff, meglio mettere fuori squadra elementi come Vano e convocare qualche primavera. E Caserta lo valuterei in queste partite finali per capire se sa leggere i 90′, sennò via anche lui per giocarsi i playoff.

Diego Trubbianelli
Diego Trubbianelli
5 mesi fa

Oggettivamente non meritiamo squadra senza un’identità di gioco per tutto il campionato peccato

Mauro
Mauro
5 mesi fa

Vacce te a fa l allenatore…

Max
Max
5 mesi fa
Reply to  Mauro

X che’ tu se contento de sto allenatore? Camina…

Mauro
Mauro
5 mesi fa
Reply to  Max

Cammina tu.. Se sei più bravo

Roberto
Roberto
5 mesi fa

Ma CHI l’ha costruita questa mandria senza capo né coda? Tu? Io?

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News