Resta in contatto

News

Caserta: “A Terni per fare il Grifo: vincere per la Supercoppa e per la rivalità”

Il tecnico biancorosso sul derby: “Siamo emersi quando avevamo l’obbligo di vincere. Affronteremo la Ternana senza paura. Anche nel nostro girone c’erano squadre forti in tutti i reparti. E meno male che non stiamo giocando i play off…”

Il sipario si chiuderà dopo un ultimo grande atto. Fabio Caserta è carico e determinato, come ha sempre dimostrato in questa stagione, per la fine del grande spettacolo che ha visto il Grifo tornare in Serie B. L’ostacolo si chiama Ternana, una squadra di grande valore ma che non incute terrore al tecnico biancorosso: “Numeri alla mano ha fatto un campionato strepitoso. E’ forte in tutti i reparti e ha dimostrato di essere consapevole della propria forza non scomponendosi nelle partite più complicate. Ma anche nel nostro girone abbiamo affrontato squadre forti: Padova, Sudtirol, Modena, Triestina. Non avremo paura perché la Ternana si può battere e perché sappiamo che anche noi siamo una squadra forte e lo abbiamo fatto vedere. Al Liberati faremo il nostro gioco, poi il risultato dipenderà da tanti fattori”.

A Terni, però, i biancorossi avranno solo un risultato su tre a disposizione: “Avere l’obbligo di vincere forse per noi è meglio. Quando abbiamo pensato di fare calcoli o di gestire le partite abbiamo buttato punti al vento, quando dovevamo ottenere i tre punti siamo venuti fuori”. Diversi grifoni saranno assenti per l’ultima battaglia: “Sicuramente non ci saranno Negro, Moscati, Angella e Burrai. Bianchimano ha avuto una distorsione ma giovedì è rientrato con la squadra. Sta stringendo i denti perché vuole esserci per dare una mano ai compagni”.

All’interno della conferenza si tocca anche il tema del calore dei tifosi, che alle 18 incontreranno la squadra per ringraziarla per la vittoria del campionato e caricarla per una sfida sentitissima: “Abbiamo recuperato con i sacrifici e con il duro lavoro il sostegno della tifoseria e ne sono orgoglioso. Mi fa molto piacere sentire l’apprezzamento dal punto di vista umano. La partita di sabato non sarà come le altre. I nostri tifosi sono già contenti perché abbiamo riportato il Perugia in B. Ma vogliamo regalargli un’altra soddisfazione: alzare la Supercoppa e vincere il derby per la rivalità storica”.

Infine, Caserta con una battuta esprime il proprio parere sui play off: “Meno male che siamo arrivati primi, i ragazzi ci hanno fatto un bel regalo. La squadra aveva speso molto sul piano mentale e su quello fisico. Gli spareggi si stanno dimostrando una lotteria sia in B che in C. Non conta il blasone o quanto spendi, ma quello che fai in campo. Per fortuna noi chiuderemo la stagione sabato con una partita bellissima”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Cristian
Cristian
3 mesi fa

????????

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News