Resta in contatto

Pagelle

Le pagelle del Grifo: Supereroe Han, Vlad trasformista

Tanti i protagonisti del successo del Perugia in casa dell’Ascoli. Cremonesi e Bianco sono la spina dorsale della squadra.

La seconda vittoria stagionale in trasferta porta la firma di Verre, Han e Falzerano. La difesa biancorossa torna “pulita” e Nesta pesca in panchina le soluzioni per il Perugia più concreto della stagione.

GABRIEL 6 Spinge con gli occhi sopra la traversa il mancino a giro di Ciciretti. Bene sul destro di Frattesi prima dell’intervallo. Nella ripresa deve solo arrampicarsi su un paio di palloni aerei.
EL YAMIQ 6 Dirottato a destra, un buon elastico sulla corsia e centimetri preziosi nelle mischie difensive. Ancora qualche leggerezza da cancellare dal repertorio.
GYOMBER 6.5 Il più massiccio e ruvido nel respingere il primo assalto ascolano. Si becca il giallo da squalifica, però arriva a prendere palloni anche sugli spalti.
CREMONESI 7 Tassello chiave. Riporta quel self control in grado di anestetizzare la frenesia del pacchetto difensivo. Tira fuori anche gli artigli quando serve e gestisce le patate bollenti senza scottarsi.
FELICIOLI 6.5 Che abbia disfatto la valigia? Ciciretti prova ad andare a pizzicare soprattutto da quella parte, miscela presto l’antidoto giusto.
KINGSLEY 6 Con Frattesi il duello è spigoloso ma di qualità. Meno scintillante di sempre (88’ FALZERANO 6.5 Si avventa sulla sfera dimenticata dagli ascolani, tocco sotto delizioso e primo gol in biancorosso per il tris. Qui il centrocampista nel dopo gara).
BIANCO 7 Inizialmente è affogato dal ritmo assatanato dei bianconeri e il bulldozer Addae lo tocca durissimo con un fallo da “arancione”. È però dotato di corazza anticarro, esce alla distanza, vince tutti i duelli e apre la strada alla truppa perugina.
DRAGOMIR 7.5 Vald è un’artista dei travestimenti. Sale sul palco da mezzala e play aggiunto, in un lampo si trasforma in cursore o ala destra. E pure equilibratore. Con un mix di acume e furbizia si butta in area, ruba il tempo a Laverone e incassa il rigore che spacca il match. Ispira anche il raddoppio con una traccia, palla al piede, in stile football americano.
VERRE 6.5 Mai irriverente nei confronti della sfera, innesca un paio di ripartenze e dal dischetto fa saltare i 344 tifosi biancorossi arrivati al Del Duca con il settimo centro di stagione. Rompe il digiuno del Grifo dopo 231’ e a tutti torna il sorriso (63′ MAZZOCCHI 6 Dentro per portare la difesa a cinque, tiene alta la concentrazione).
VIDO 5.5 Lavora benino un paio di palloni ma l’occasione migliore (31’) diventa un tiraccio in curva. Resta negli spogliatoi (46′ HAN 7 Ecco il supereroe con la dinamite nelle gambe. Esce dallo spogliatoio a velocità supersonica. Accelera e squarcia la difesa di casa. Accelera e arriva il rigore. Accelera ancora e firma il raddoppio con un gol dei suoi. L’ottavo con il Grifo. Ma l’ultimo era di 431 giorni fa. Bentornato!).
SADIQ 6.5 Manca la stoccata. Intorno al buco però c’è una “caramella” fatta di progressioni, sponde a terra o acrobatiche (azione del rigore), sportellate (il tris) e tanti centimetri da contraerea su calci piazzati avversari. Prezioso.
NESTA 7 Non è stato il Grifo più bello del campionato, di certo è stato il più concreto (“Buon Perugia”, ha detto nel dopo gara). A queste latitudini della stagione era proprio ciò che serviva. Sceglie il motore ibrido in grado di gestire il primo tempo per poi scaricare i cavalli alla ripartenza. Negli spogliatoi azzecca la lettura del match, rilancia Han e si mette poi a 5 dietro per congelare il doppio vantaggio.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] suo rendimento. Ad Ascoli ha fatto un’ottima gara, mettendo del suo in ogni rete della squadra (0-3 in favore del Grifo). Il Cagliari? Hanno seguito da vicino la parte dell’intervento e, insieme al Perugia, hanno […]

trackback

[…] Ruolo: terzino sinistro. Che qualcosa fosse cambiato nelle strategie del Grifo si era intuito nelle prime due gare del nuovo anno. Le scelte di Nesta hanno aperto nuovi orizzonti. Contro il Brescia era stato Felicioli a sostituire Ngawa all’intervallo e sabato, in casa dell’Ascoli, è stato lo stesso mancino scuola Milan a vestire la maglia di titolare con egregi risultati (le pagelle di Calciogrifo). […]

trackback

[…] dei grifoni dopo il successo di Ascoli. Il post è di capitan Bianco, tra i migliori al Del Duca (le pagelle di Calciogrifo). Per Umar Sadiq è stata una “Grande vittoria” e Vlad Dragomir si dice “contento di tornare […]

trackback

[…] vincente del Grifo nella ripresa con il rigore segnato da Verre, il ritorno dal gol di Han (tornato Supereroe per Calciogrifo) e il tris con la prima rete in biancorosso di […]

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Grande e irripetibile! Mai più Uno così (purtroppo)! Riposa in pace!"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Pagelle