Resta in contatto

News

Carpi, arriva il Perugia: “Voglio una prestazione anima e cuore”

Fabrizio Castori allenatore degli emiliani carica la squadra in vista della partita di sabato con il Grifo

«I tifosi hanno fatto appelli per stare vicini alla squadra? Mi fa piacere che i tifosi si chiamino a raccolta per essere vicini alla squadra in un momento delicato, è una cosa bella che nelle difficoltà ci sia vicinanza. Dà la sensazione che il sentimento per la squadra c’è in città. Senza fare discorsi troppo lungimiranti è ora di tornare a vincere, è finito il tempo delle attese anche se c’era una trasmissione “Non è mai troppo tardi” stavolta è arrivato il momento di svoltare, dobbiamo fare una grande partita e voglio che tutti si tornino ad emozionare per la prestazione della squadra.

Abbiamo bisogno di fare punti a prescindere da chi affrontiamo. Dobbiamo fare una partita da Carpi, una prestazione anima e cuore dal primo all’ultimo minuto spendendo tutte le risorse fisiche, psicologiche e di cuore: su questo non possiamo sbagliare».
I grandi ex del Carpi.
«Gabriel, Bianco e Melchiorri? A Gabriel e Raffa (Bianco, ndr) sono legato da grande affetto, stima e rispetto, così anche per Melchiorri che non ho mai allenato ma che conosco bene perchè siamo compaesani e sono sempre stato un suo estimatore. Ma questa settimana l’affetto e il cuore li metto da parte, domani sono tre avversari e dobbiamo essere distaccati da questi sentimenti».
Le assenze peseranno?
«Abbiamo defezioni ma una rosa ampia, per cui non voglio l’alibi delle assenze perchè abbiamo giocatori pronti a giocare. E’ normale che i nuovi debbano prendere la miglior condizione perchè venivano da un lungo periodo senza giocare ma lo fanno solo giocando, ovviamente senza metterli in campo tutti contemporaneamente. Al di là delle defezioni, domani conta lo spirito, che dev’essere quello nostro, quello del Carpi».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News