Resta in contatto

Approfondimenti

Perugia-Cittadella sulla carta: top e flop in salsa play off

Ospiti con l’attacco scarico in trasferta, Grifo ingolfato al Curi. Il confronto che va in scena mercoledì pomeriggio mette di fronte due squadre con grandi potenzialità e altrettante lacune.

Perugia e Cittadella hanno gli stessi punti in classifica (46) e “da tripla” si annuncia il confronto del primo maggio, pronto a segnare la strada verso i play off di entrambe (calendario e scenari).

È la location, sulla carta, a riequilibrare ancor di più la bilancia del match. Al Renato Curi, infatti, il Grifo è ingolfato. Almeno nel 2019. Con 2 vittorie e 6 ko nel girone di ritorno ha portato lo score a 7 sconfitte interne (più 8 successi e un pari), record negativo in casa biancorossa.

La squadra di Nesta si troverà di fronte un bunker. Il rendimento esterno del Cittadella non è stellare, è l’ottavo del torneo con 17 punti in 16 uscite. Ma al top c’è la difesa costruita da Venturato che è la migliore della categoria con 16 gol subiti. Il Cittadella ha vinto 3 gare in esterna e tutte 1-0 (l’ultimo a Brescia), a queste aggiunge ben 8 pareggi e 5 sconfitte.

C’è un dato su cui il Perugia può “giocare”. L’attacco dei padovani, lontano dalle mura amiche, è il peggiore della B (insieme al Venezia) con appena 9 reti segnate. L’ultimo clean sheet al Curi degli uomini di Nesta, però, è datato 27 dicembre (3-0 contro il Foggia). Poi 8 gare con la porta di Gabriel sempre perforata almeno una volta. È arrivato il momento di cambiare registro.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Cittadella, reduce dalla rimonta (da 0-2 a 2-2) con l’Ascoli, fatica molto a far gol in trasferta, ma arriva al Curi con il miglior bomber del 2019. Il tecnico Venturato ha definito la sfida come […]

trackback

[…] centrali a disposizione di Nesta. Contro il Cittadella c’è in palio un posto nei play off (i numeri della sfida) e il tecnico biancorosso deve rinunciare agli squalificati Bianco e Gyomber e […]

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti