Resta in contatto

News

Il Perugia ricomincia da Ascoli: il cammino dal 20 giugno

La società di Santopadre è al lavoro su più fronti per preparare le 10 gare che mancano alla chiusura della regular season. Protocolli, preparazione e contratti sono le priorità del momento

“La Serie B potrà ripartire il 20 giugno in linea con quanto avevamo deliberato e di questo ringraziamo il ministro Spadafora per il grande lavoro svolto”. Così il presidente della Lega B, Mauro Balata, ha ufficializzato la ripresa della stagione ferma dal 9 marzo per il coronavirus. Il cammino del Perugia ripartirà dunque con la trasferta di Ascoli. A meno di ritocchi al calendario.

Secondo quanto deciso dal Consiglio direttivo dei club cadetti, con la data della ripartenza si apre il mini ciclo finale della regular season che comprende le ultime 10 giornate da giocare. Un tour de force concentrato in 40 giorni per lasciare spazio a play-off e play-out da giocare ad agosto (e chiudere entro il 20).

Tutte le partite saranno a porte chiuse. Decisivo il rispetto dei due protocolli (allenamenti e partite). La speranza è che lungo il percorso non ci siano intoppi per arrivare a chiudere la stagione. I tempi potrebbero allungarsi per la quarantena di tutta la squadra in caso di positività di un giocatore o di un membro dello staff. Il Consiglio Federale del 4 giugno, in questo senso, dovrebbe essere decisivo per eventuali format alternativi e cristallizzazione delle classifiche se non si riuscisse a portare a termine i campionati entro il 20 agosto.

In casa Perugia si scaldano i motori per farsi trovare pronti al momento del nuovo start di Ascoli. I tamponi svolti in data 28 maggio hanno dato esito negativo per tutto il gruppo-squadra, dopo il secondo ciclo previsto dal protocollo potranno partire gli allenamenti collettivi. Contemporaneamente il club di Santopadre deve sciogliere il nodo legato ai contratti in scadenza il 30 giugno (lo strano caso di Cosmi).

Di fatto ci saranno circa 3 settimane per una mini preparazione in vista del tour de force in cui il Grifo di Cosmi vuole almeno recuperare i 5 punti di distanza dalla zona play-off. Dopo la trasferta di Ascoli in calendario ci sono il match interno con il Crotone, la gara a Cittadella, la sfida casalinga con il Pordenone, la doppia trasferta a Pescara e Cosenza, poi Cremonese in casa, Entella fuori, Trapani ancora in casa e chiusura a Venezia. Tutto in poco più di un mese.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News