Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, il pagellone di fine anno: Minelli l’uomo giusto al momento giusto

L’approfondimento sul rendimento dei giocatori biancorossi: l’ex Spal ha saputo farsi trovare pronto quando chiamato in causa e ha ridato tranquillità alla squadra in un momento cruciale

La tranquillità nel momento più delicato della stagione. Questo è quello che Stefano Minelli ha saputo portare nei suoi sei mesi da biancorosso. Cominciamo a tirare le somme sulla stagione dei grifoni protagonisti della cavalcata promozione. Il pagellone, o le schede, come preferite chiamarle, parte proprio dalla porta del Grifo.

DIETRO LE QUINTE- Minelli a gennaio ha deciso di rilanciarsi scendendo dalla Serie B con la Spal alla Serie C con il Perugia. Fin dal suo arrivo ha messo in chiaro le cose. “Non sono venuto a fare il secondo ma a dimostrare il mio valore”. Le parole pronunciate durante la prima conferenza erano un segnale al compagno di reparto Fulignati. Poi ha saputo lavorare per due mesi aspettando il suo momento, senza creare polemiche e facendosi trovare pronto quando è stato chiamato in causa.

PORTA BLINDATA- Caserta si è affidato a lui per ripartire dopo Gubbio. In quel momento la squadra si trovava davanti ad un bivio: crollare o ripartire per l’assalto definitivo alla vetta. Il Grifo ha scelto di mettere in secondo piano Fulignati, che arrivava da una serie di partite non positive, e chiamare in causa Minelli, che negli allenamenti si era dimostrato all’altezza. Il cambio di titolarità tra i portieri è sempre una mossa azzardata per le dinamiche interne al gruppo che va a toccare, ma in questo caso si è dimostrata più che azzeccata. Il portiere ha avuto alcuni problemi, come da lui stesso raccontato, nel gioco con i piedi chiesto dal tecnico ma ha saputo guidare la retroguardia e ridare forza e convinzione ai compagni. La difesa nelle ultime partite ha giocato con il baricentro più alto, causa anche della maggiore sicurezza che Minelli dava nelle uscite. A fine campionato, i numeri parlano chiaro: 2 gol subiti in 8 partite e 6 porte inviolate.

Voto: 7

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
riccardo
riccardo
25 giorni fa

Ma allora non sarebbe il caso di tenerlo visto che, tra l’altro, non comporterebbe nessun costo d’acquisto, ma solo d’ingaggio???
Oppure preferiamo rimpiangerlo alla prima papera di Fulignati o di chi verrà??
Tra l’altro ha alle spalle circa 150 partite in serie B, per cui ha pure l’esperienza che serve per il prossimo campionato!!!!

Grifone Fontivegge
Grifone Fontivegge
25 giorni fa

Quando vinci un campionato per un punto qualsiasi apporto positivo é decisivo. Grazie anche a Minelli

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti