Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, il pagellone di fine anno: Minelli l’uomo giusto al momento giusto

L’approfondimento sul rendimento dei giocatori biancorossi: l’ex Spal ha saputo farsi trovare pronto quando chiamato in causa e ha ridato tranquillità alla squadra in un momento cruciale

La tranquillità nel momento più delicato della stagione. Questo è quello che Stefano Minelli ha saputo portare nei suoi sei mesi da biancorosso. Cominciamo a tirare le somme sulla stagione dei grifoni protagonisti della cavalcata promozione. Il pagellone, o le schede, come preferite chiamarle, parte proprio dalla porta del Grifo.

DIETRO LE QUINTE- Minelli a gennaio ha deciso di rilanciarsi scendendo dalla Serie B con la Spal alla Serie C con il Perugia. Fin dal suo arrivo ha messo in chiaro le cose. “Non sono venuto a fare il secondo ma a dimostrare il mio valore”. Le parole pronunciate durante la prima conferenza erano un segnale al compagno di reparto Fulignati. Poi ha saputo lavorare per due mesi aspettando il suo momento, senza creare polemiche e facendosi trovare pronto quando è stato chiamato in causa.

PORTA BLINDATA- Caserta si è affidato a lui per ripartire dopo Gubbio. In quel momento la squadra si trovava davanti ad un bivio: crollare o ripartire per l’assalto definitivo alla vetta. Il Grifo ha scelto di mettere in secondo piano Fulignati, che arrivava da una serie di partite non positive, e chiamare in causa Minelli, che negli allenamenti si era dimostrato all’altezza. Il cambio di titolarità tra i portieri è sempre una mossa azzardata per le dinamiche interne al gruppo che va a toccare, ma in questo caso si è dimostrata più che azzeccata. Il portiere ha avuto alcuni problemi, come da lui stesso raccontato, nel gioco con i piedi chiesto dal tecnico ma ha saputo guidare la retroguardia e ridare forza e convinzione ai compagni. La difesa nelle ultime partite ha giocato con il baricentro più alto, causa anche della maggiore sicurezza che Minelli dava nelle uscite. A fine campionato, i numeri parlano chiaro: 2 gol subiti in 8 partite e 6 porte inviolate.

Voto: 7

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "Non può giocare come professionista lo vedo bene con il pretola sulla fascia destra vicino al Tevere a chiappa le libellule no comment"

Grifo, prendi un attaccante e un centrocampista: le vostre richieste di mercato

Ultimo commento: "Diamogli anche Giulini in omaggio, visto che ci siamo XD"

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Approfondimenti