Resta in contatto

Dirette

Alvini day: è il giorno della conferenza di presentazione (LIVE)

Il nuovo tecnico biancorosso incontrerà la stampa alle ore 11

La settimana scorsa è stato annunciato, oggi si presenterà a Perugia attraverso una conferenza stampa aperta alla stampa. Inizia l’avventura di Alvini in biancorosso. Il presidente Santopadre ne ha parlato così: “Mi hanno convinto la sua umiltà e il suo gioco. Mi ha fatto sentire l’onore di allenare il Perugia”.

L’introduzione di Giannitti: “Con la sua presentazione gettiamo la prima pietra della nuova stagione. Il suo percorso è fatto di tanta esperienza e gavetta. Sin dal primo incontro abbiamo visto il valore del tecnico. Per lui Perugia è un punto d’arrivo e non di partenza per quello che ci ha dimostrato nel colloquio. Subito ha dimostrato grande voglia di fare per una società prestigiosa”.

PRIMI GIORNI DA BIANCOROSSO- “Per me essere qua oggi è motivo di grande soddisfazione e un grande piacere. E’ avvenuto tutto inaspettatamente. Ringrazio i direttori e il presidente per la grandissima opportunità. L’approccio con il massimo dell’entusiasmo e con la passione che ho dentro”

IL PERUGIA DI ALVINI- “Il presidente sin dal primo momento mi ha detto che vuole lavorare al massimo. Io voglio lavorare ed essere giudicato solamente dai risultati. Io sono questo e lo dice il mio percorso da oltre vent’anni”

LA PROSSIMA SERIE B- “Sarà un campionato difficile con grandi squadre e grandi città. Ma Perugia non è da meno per la sua grande tradizione. Sono convinto che sarà all’altezza”

TRA PRESENTE E FUTURO- “Sedere sulla panchina del Grifo è bellissimo. Io voglio pensare a lavorare e al presente. Voglio essere chiaro. Vengo da un percorso lunghissimo e vorrei determinare dove posso cioè in campo con il mio lavoro”

PUBBLICO- “Il pubblico è determinante. Ho visto delle partite al Curi e vorrei sempre vedere il tifo negli stadi. Mi auguro che sia quanto prima presente con noi”

SANTOPADRE- “Penso di averlo conquistato con la voglia di fare negli occhi. Io ho le idee chiare e spero poi che questa conquista dia i suoi frutti in campo”

IDEA DI PERUGIA- “Piace l’idea di una squadra che domini la partita e che esalti le proprie caratteristiche. Cercherò un calcio aggressivo”

MERCATO- “Ho grande fiducia nella società e in quelle che saranno scelte di mercato. Qualsiasi decisione andrà benissimo. Io non mi occupo di mercato, ma di campo. Questa squadra ha vinto un girone difficilissimo e gli va dato grande merito. C’erano avversarie costruite e forti e basta vedere i risultati dei play off per giudicare. Tutte le scelte saranno condivise da me. Non è facile prevedere il mercato che ha i suoi tempi e in questo momento in Italia le sue difficoltà. Io lavoro con quello che mi darà la società da subito”

LA RETROCESSIONE CON LA REGGIANA- “La retrocessione certifica un risultato sportivo negativo. Quando si arriva alla fine di un percorso ci sono tanti fattori che influiscono. Possono essere utilizzati per crescere e migliorare. E’ successo a Perugia e penso possa succedere anche alla Reggiana. Penso possa essermi utile per fare il massimo nel cammino che dobbiamo fare qua. Non è un fatto negativo, a volte si può crescere anche ottenendo un risultato sul campo che non è così positivo. Penso anzi aiutino più le sconfitte che le vittorie. Quando ho deciso di non rimanere a Reggio è solo perché ho pensato che era il momento giusto di interrompere il rapporto”

PERUGIA NEL DESTINO- “Ho fatto per tanti anni il rappresentante di scarpe e per passare nelle Marche passavo per il Lago Trasimeno e Ferro di Cavallo. Quando ritornavo a volte il Perugia giocava in casa e rimanevo affascinato dal Curi illuminato. Io allenavo in Promozione e in Eccellenza e una volta ogni quindici giorni facevo questo tragitto. Per venti anni sono passato davanti allo stadio che ospitava partita di A e di B. Lo guardavo come qualcosa da raggiungere ed esserci arrivato con il duro lavoro è una grande soddisfazione. Per questo voglio aprirci una grande storia”.

TRA SARRI E CASTORI- “C’è anche un rapporto di amicizia con Maurizio Sarri che ha fatto un percorso straordinario. Quando allenavo il Tuttucuoio e lui era ad Empoli, passavo i pomeriggi a guardare i suoi allenamenti. Per chi vive il calcio la sua è una storia importante. Io non so quello che accadrà nel mio futuro ma sapere di essere qua dove sono stati Castagner, Cosmi e Sarri è un grande orgoglio. Grande stima per Castori e il campionato vinto”

STAFF- “Il mio secondo è Montagnolo, il collaboratore tecnico Bonacci. Abbiamo Massimo Gazzoli come preparatore dei portieri e il preparatore atletico Paolo Artico. Poi ci saranno altre figure che vi comunicherà la società”

TESI COVERCIANO- “Quando un allenatore dà la tesi per l’Uefa A in quel modo è un grande piacere. Ho simulato un Albinoleffe-Napoli nel settembre del 2018. In quell’anno Maurizio era l’allenatore del Chelsea che aveva vinto l’Europa League. E’ finita in pareggio”

FUCECCHIO- “E’ un paese fantastico. Il personaggio che ha fatto la storia è Montanelli. Quando giri l’Italia e ti viene ricordato di essere del suo paese ti fa enormemente piacere. Quest’anno sono stato celebrato con un premio nel mio paese. Lui è uno dei più grandi giornalisti della storia italiana. Sono un po’ toscanaccio come lui e non cambierò assolutamente”

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "scusate l intrusione ma non si puo sentire che lisi non e un giocatore io sono di pisa e vi posso garantire che da noi a fatto la differenza forse..."

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Annoscorso la squadra mi dava affidamento soprattutto per in trasferta cosa che questAnno la vedi come una una squadretta da salvezzavsebza ambizione..."

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Dirette