Resta in contatto

Dirette

Alvini day: è il giorno della conferenza di presentazione (LIVE)

Il nuovo tecnico biancorosso incontrerà la stampa alle ore 11

La settimana scorsa è stato annunciato, oggi si presenterà a Perugia attraverso una conferenza stampa aperta alla stampa. Inizia l’avventura di Alvini in biancorosso. Il presidente Santopadre ne ha parlato così: “Mi hanno convinto la sua umiltà e il suo gioco. Mi ha fatto sentire l’onore di allenare il Perugia”.

L’introduzione di Giannitti: “Con la sua presentazione gettiamo la prima pietra della nuova stagione. Il suo percorso è fatto di tanta esperienza e gavetta. Sin dal primo incontro abbiamo visto il valore del tecnico. Per lui Perugia è un punto d’arrivo e non di partenza per quello che ci ha dimostrato nel colloquio. Subito ha dimostrato grande voglia di fare per una società prestigiosa”.

PRIMI GIORNI DA BIANCOROSSO- “Per me essere qua oggi è motivo di grande soddisfazione e un grande piacere. E’ avvenuto tutto inaspettatamente. Ringrazio i direttori e il presidente per la grandissima opportunità. L’approccio con il massimo dell’entusiasmo e con la passione che ho dentro”

IL PERUGIA DI ALVINI- “Il presidente sin dal primo momento mi ha detto che vuole lavorare al massimo. Io voglio lavorare ed essere giudicato solamente dai risultati. Io sono questo e lo dice il mio percorso da oltre vent’anni”

LA PROSSIMA SERIE B- “Sarà un campionato difficile con grandi squadre e grandi città. Ma Perugia non è da meno per la sua grande tradizione. Sono convinto che sarà all’altezza”

TRA PRESENTE E FUTURO- “Sedere sulla panchina del Grifo è bellissimo. Io voglio pensare a lavorare e al presente. Voglio essere chiaro. Vengo da un percorso lunghissimo e vorrei determinare dove posso cioè in campo con il mio lavoro”

PUBBLICO- “Il pubblico è determinante. Ho visto delle partite al Curi e vorrei sempre vedere il tifo negli stadi. Mi auguro che sia quanto prima presente con noi”

SANTOPADRE- “Penso di averlo conquistato con la voglia di fare negli occhi. Io ho le idee chiare e spero poi che questa conquista dia i suoi frutti in campo”

IDEA DI PERUGIA- “Piace l’idea di una squadra che domini la partita e che esalti le proprie caratteristiche. Cercherò un calcio aggressivo”

MERCATO- “Ho grande fiducia nella società e in quelle che saranno scelte di mercato. Qualsiasi decisione andrà benissimo. Io non mi occupo di mercato, ma di campo. Questa squadra ha vinto un girone difficilissimo e gli va dato grande merito. C’erano avversarie costruite e forti e basta vedere i risultati dei play off per giudicare. Tutte le scelte saranno condivise da me. Non è facile prevedere il mercato che ha i suoi tempi e in questo momento in Italia le sue difficoltà. Io lavoro con quello che mi darà la società da subito”

LA RETROCESSIONE CON LA REGGIANA- “La retrocessione certifica un risultato sportivo negativo. Quando si arriva alla fine di un percorso ci sono tanti fattori che influiscono. Possono essere utilizzati per crescere e migliorare. E’ successo a Perugia e penso possa succedere anche alla Reggiana. Penso possa essermi utile per fare il massimo nel cammino che dobbiamo fare qua. Non è un fatto negativo, a volte si può crescere anche ottenendo un risultato sul campo che non è così positivo. Penso anzi aiutino più le sconfitte che le vittorie. Quando ho deciso di non rimanere a Reggio è solo perché ho pensato che era il momento giusto di interrompere il rapporto”

PERUGIA NEL DESTINO- “Ho fatto per tanti anni il rappresentante di scarpe e per passare nelle Marche passavo per il Lago Trasimeno e Ferro di Cavallo. Quando ritornavo a volte il Perugia giocava in casa e rimanevo affascinato dal Curi illuminato. Io allenavo in Promozione e in Eccellenza e una volta ogni quindici giorni facevo questo tragitto. Per venti anni sono passato davanti allo stadio che ospitava partita di A e di B. Lo guardavo come qualcosa da raggiungere ed esserci arrivato con il duro lavoro è una grande soddisfazione. Per questo voglio aprirci una grande storia”.

TRA SARRI E CASTORI- “C’è anche un rapporto di amicizia con Maurizio Sarri che ha fatto un percorso straordinario. Quando allenavo il Tuttucuoio e lui era ad Empoli, passavo i pomeriggi a guardare i suoi allenamenti. Per chi vive il calcio la sua è una storia importante. Io non so quello che accadrà nel mio futuro ma sapere di essere qua dove sono stati Castagner, Cosmi e Sarri è un grande orgoglio. Grande stima per Castori e il campionato vinto”

STAFF- “Il mio secondo è Montagnolo, il collaboratore tecnico Bonacci. Abbiamo Massimo Gazzoli come preparatore dei portieri e il preparatore atletico Paolo Artico. Poi ci saranno altre figure che vi comunicherà la società”

TESI COVERCIANO- “Quando un allenatore dà la tesi per l’Uefa A in quel modo è un grande piacere. Ho simulato un Albinoleffe-Napoli nel settembre del 2018. In quell’anno Maurizio era l’allenatore del Chelsea che aveva vinto l’Europa League. E’ finita in pareggio”

FUCECCHIO- “E’ un paese fantastico. Il personaggio che ha fatto la storia è Montanelli. Quando giri l’Italia e ti viene ricordato di essere del suo paese ti fa enormemente piacere. Quest’anno sono stato celebrato con un premio nel mio paese. Lui è uno dei più grandi giornalisti della storia italiana. Sono un po’ toscanaccio come lui e non cambierò assolutamente”

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gabriele B.
Gabriele B.
1 mese fa

In bocca al lupo mister e grazie a calcio grifo per il servizio reso ai tifosi con il live delle dichiarazioni del mister. Forza Grifo

giuliano
giuliano
1 mese fa

Spero con tutto il cuore e con tutta la forza che ho che Alvini possa essere la “persona” giusta per Perugia sportiva e per noi suoi tifosi. Naturalmente l’auspicio è anche quello di poter ottenere risultati positivi con la squadra. Spero anche che i rapporti con la “dirigenza” siano improntati alla massima schiettezza. Ne abbiamo bisogno, TUTTI. Negli ultimi anni questo non è avvenuto. Ed i risultati sono stati i “figli” di questa “tendenza”. Siccome sono convinto che la bontà del lavoro e dei successi delle Aziende sia costituita dalle “PERSONE”, confido che Santopadre, Giannitti, Comotto, Alvini possano costituire un… Leggi il resto »

Ceselli
Ceselli
1 mese fa

Vediamo che organico avrà a disposizione.
La sensazione è che o dura tanto tanto o dura poco poco.

Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
1 mese fa

Ma questo dalle cos’è che dice e come le dice è forte. Sarà amore a prima vista, come un colpo di fulmine scoppiato tra Alvini con Perugia e i suoi tifosi. Forza Mister!!!!

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da Dirette