Resta in contatto

News

Monaco e Rosi: show in spiaggia in attesa di conoscere il loro futuro

Il centrale è in scadenza di contratto, il terzino potrebbe non rientrare nei piani di Alvini. La situazione

Palleggi, colpi di tacco e acrobazie. Il tutto con grande agilità e mostrando una condizione fisica impeccabile. Una cartolina animata di Aleandro Rosi e Salvatore Monaco da Ibiza, dove due membri del trio di amici dentro e fuori dal campo (il terzo è Kouan) stanno ricaricando le pile in attesa della nuova stagione.

L’8 luglio i grifoni si ritroveranno per le visite mediche, ma il presente di Monaco dice che il centrale nel futuro biancorosso potrebbe non esserci. Il napoletano è in scadenza di contratto e sarebbero in corso le trattative per il rinnovo. Ci sarebbe ancora però distanza tra le parti e questo a otto giorni dal 30 giugno potrebbe voler dire addio. Chi invece è certo di partire almeno per il ritiro è Rosi. Il terzino proverà a giocarsi tutte le carte per rientrare nei piani di Alvini, con il tecnico che ha già affermato di voler un Grifo aggressivo e dominatore. I due intanto continuano ad allenarsi anche in Spagna, come condiviso nelle storie da Monaco.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marco Tinarelli
Marco Tinarelli
1 mese fa

Andrebbero tenuti entrambi. Due giocatori su cui si può fare conto, esperti, in un campionato difficile…

grifoz
grifoz
1 mese fa

Monaco è un gladiatore, Rosi un pretoriano. Entrambi hanno l’animo da combattente, tipico di noi Grifoni!!!

Diego
Diego
1 mese fa

Da tifoso sarei triste se andasse via Monaco gioca con il cuore come un vero grifone poi come terzo centrale di sinistra e’ forte

Valter
Valter
1 mese fa

Almeno Monaco, tra tutti quelli che se ne vanno, rimanesse! Ha dimostrato di essere un grifone e non un giocatore del Perugia. Il che non è proprio la stessa cosa

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News