Resta in contatto

Femminile

Federiconi: “Perugia, che emozione indossare questa maglia”

La giovanissima che da qualche mese veste la maglia biancorossa, bruciando le tappe, racconta la sua storia. Il suo giocatore preferito? Milita nel Barcellona…

Susanna Federiconi sa bene cosa significa bruciare le tappe: da quando è approdata al Perugia Calcio Femminile nell’agosto 2019 ha giocato con l’Under 17, la Primavera ed è stata chiamata anche in prima squadra dove è subito stata protagonista.

Per arrivare a questo punto la classe 2002 ha dovuto sudare molto: “Ho iniziato a giocare a 5 anni con i maschi in una squadra vicino casa a Baiano, il Superga 48. Poi sono andata allo Spoleto dove sono rimasta per 7 anni. Dopodiché ho giocato a calcetto prima con la squadra di calcetto della Ternana e con il Picchi”.

Il passo successivo è stato il Perugia: “La prima partita in biancorosso è stata con la Primavera in trasferta a Napoli. L’emozione fu tanta perché avevo indosso una maglia importante, ho sempre visto il Perugia come una squadra di spessore e di altissimo livello. Con la prima squadra, invece, ho esordito contro la Riozzese. É successo tutto molto in fretta. Da una settimana mi stavo allenando con la prima squadra e poi ho giocato titolare. Sono stata contenta perché il mister mi ha dato subito fiducia ma al tempo stesso sapevo che mi era stato dato un compito importante. È stato motivo d’orgoglio”.

Alla seconda presenza con la prima squadra è arrivato anche il gol risultato decisivo per l’1-2 finale: “C’era un calcio d’angolo per noi. In settimana avevamo provato uno schema che abbiamo eseguito, ho colpito il pallone di testa e ho segnato. Ricevere l’affetto delle compagne di squadra è stato bello”.

Nel corso degli anni Susanna ha cambiato posizione in campo: “Quando giocavo con i maschi ero un difensore centrale, quando ho cominciato a giocare in gruppi completamente femminili mi hanno spostato sulla trequarti”. Proprio al mondo delle squadre miste è legato un momento prezioso nella carriera calcistica di Susanna: “Il mio ricordo più bello legato al calcio è l’ultima partita disputata con i maschi. Giocare con loro mi ha fatto crescere tanto, è stato davvero emozionante perché sapevo che sarebbe stata l’ultima gara”.

Nonostante i grandi impegni calcistici Susanna riesce ad avere la vita di una qualsiasi ragazza della sua età: “Quando non mi alleno studio perché faccio il quarto anno del liceo scientifico, poi ovviamente esco con gli amici. Mi piace anche guardare le serie tv, la mia preferita è La casa di carta”.

Foto: Sito ufficiale per Perugia Calcio

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Il fratello più piccolo gioca con i miei figli alla Superga 48, a volte è venuta al campo ed ho potuto constatare che è anche una gran brava ragazza. Capita che giochi coi bambini denotando passione x il calcio. Da intenditore come mi ritengo di essere, questa ragazza è veramente forte…struttura e potenza fisica mista a velocità e ottimo tocco di palla. Da tifoso del Perugia sono felice che sia dei nostri…sono contento x fratelli e genitori. In bocca al lupo!!!

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Femminile