Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Capone a specchio con il Perugia: “La mia stagione di alti e bassi”

L’attaccante biancorosso, durante lo stop per l’emergenza sanitaria, analizza il rendimento personale. “Con il nuovo modulo ho meno spazio ma sono pronto a tutto per la squadra”

Lombardo di nascita, cresciuto calcisticamente nell’Atalanta, Christian Capone sta vivendo da solo a Perugia questo lungo periodo di emergenza sanitaria che ha portato allo stop del pallone. “Per fortuna la mia famiglia sta bene, di certo non è la miglior situazione”, dice in collegamento dalla sua abitazione del capoluogo.

“Passo la giornata un po’ come tutti – racconta l’attaccante del Grifo –, tra play station e serie televisive e cercando di allenarmi il più possibile con le indicazioni del preparatore, anche se a casa non è facile”.

Appena 20 anni ma già alla terza stagione in B, il campionato in corso doveva sancire la consacrazione di Capone. “Venire a Perugia è stato positivo – spiega – mi volevamo fortemente mister Oddo e il direttore Goretti e non rinnego questa scelta. Mi trovo bene anche se è stata una stagione di alti e bassi come lo è stata per la squadra. Sono voluto rimanere anche a gennaio, speravo di avere più spazio ma tempo ce ne sarebbe. Ora è successo quello che è successo e non so se si ripartirà”.

Il campionato di Christian, 15 presenze e 2 reti da 6 punti contro Pescara (nel video) ed Entella, è un po’ lo specchio dalle stesse turbolenze che hanno investito il Grifo. L’ultimo in ordine di tempo che ha svelato di aspettarsi il salto di qualità da Capone è stato Fulignati. “In parte ha ragione, devo crescere sotto il profilo caratteriale e sentirmelo dire dai compagni aiuta. A livello mentale devo dimostrare tanto”.

“Con Oddo – precisa Capone – stavo trovando continuità. Un esonero non è mai positivo per nessuno, Cosmi è arrivato per dare una mano a livello caratteriale, il 2020 non era iniziato bene ma la vittoria con la Salernitana aveva ridato morale”. Per l’attaccante di proprietà dell’Atalanta è cambiata la prospettiva e “con il 3-5-2 ho avuto meno spazio. Ma sono pronto a tutto, fare il trequartista mi piaceva ma in carriera ho giocato anche come esterno del 4-3-3 o nelle due punte. E non mi dispiace. In questa situazione però è difficile pensare al calcio. Speriamo di tornare prima possibile alla normalità…”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Decisivi per gli ospiti l'autogol di Cicioni e la rete di Perlingieri. Inutile il gol...

Nel momento più difficile il cappellano del club biancorosso a cuore aperto al Tg di...

Spettacolare la rete del centrocampista del Sudtirol che ha regalato ai suoi i tre punti...

Le immagini del test andato in scena all’antistadio che ha visto il Grifo dilagare contro...

Il ‘day after’ del portierone del Parma dopo il clamoroso errore al ‘Curi’ contro il...

L’attaccante passato la settimana scorsa dal Perugia agli irpini ha fatto gol alla squadra della...