Resta in contatto

News

Grifo: Fabio Caserta, ritratto di un ‘duro’

Il Messaggero in edicola tratteggia carattere, tattica e metodo del nuovo tecnico biancorosso, un vero ‘martello’ nel ritiro di Cascia: sedute intense, regole severe, orari ferrei e disciplina. E il gruppo lo sta seguendo…

Allenamenti intensi, regole severe da rispettare, orari ferrei e disciplina.  A raccontare i tratti caratteriali e il modo di plasmare il gruppo biancorosso da parte di Fabio Caserta, nuovo allenatore del Perugia, è il Messaggero dell’Umbria in edicola, che parla dettagliatamente dei primi, impegnativi giorni di ritiro a Cascia in cui il nuovo allenatore si sta facendo conoscere dalla rosa biancorossa, composta per la gran parte da componenti del gruppo che nel recentissimo, passato campionato è retrocesso dalla B alla C. In campo Caserta è un martello, segue gli allenamenti in prima persona senza mollare un millimetro intervenendo di continuo a livello verbale, coadiuvato dall’ex grifone Sammy Accursi e dal professor Francesco Chinnici, e i giocatori si adeguano. Anzi, chi ha modo di vederli quotidianamente riferisce di un gruppo che segue il tecnico calabrese con crescenti entusiasmo e determinazione.

Il Perugia con Caserta pare proprio avere trovato pane per i suoi denti. ‘Ai miei giocatori chiedo il massimo impegno – aveva detto in sede di presentazione -, non solo in partita, ma in tutti gli allenamenti. Devono uscire tutti con la maglia sudata. Esigo la massima attenzione e concentrazione, come del resto ero solito fare io da calciatore. So bene che i risultati sono il frutto del concatenarsi di tanti fattori, ma l’impegno di chi gioca sarà qualità imprescindibile. In rosa voglio giocatori motivati, che lottino per la maglia. Chi non sposa il progetto non può farne parte. Da calciatore ho sempre lottato su tutto partendo dal basso e facendo sacrifici. Anche per questo sono molto esigente sul lavoro’.

Non è tutto, perché il quotidiano approfondisce anche il modo di giocare della Juve Stabia di Caserta, che nella stagione della promozione vinse la panchina d’oro chiudendo la C con la miglior difesa e il migliore attacco del torneo, adottando un 4-3-3 con la costruzione che parte dal basso ma che si trasforma in 4-5-1 nella fase difensiva, messo in atto da una squadra quadrata, compatta e molto abile nella chiusura degli spazi e delle linee di passaggio in fase di non possesso, capace di ripartenze veloci attraverso rapide verticalizzazioni in seguito alla riconquista del pallone. Il Perugia retrocesso dalla B aveva bisogno di una vigorosa sterzata e di pedalare a testa bassa verso il riscatto. Il cammino è cominciato.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Adesso bisogna fare i fatti basta il passato semo andati in serie c ;

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

io dico in bocca al lupo mister e daje giù duro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Ma chi allena che la squadra ancora non è stata fatta?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

L’augurio che ripercorra le orme di Castagner e Cosmi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Be’ considerando che siamo un cantiere aperto a 13 giorni dall’inizio del campionato, in ritardo di preparazione e con una mezza amichevole disputata c’è poco da stare allegri !!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

In bocca al lupo mister

Orano Sdolzini
os
7 mesi fa

nuovo colautti? magari

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Tanto è la squadra che decide le sorti degli allenatori e dei tifosi…. Gli allenatori secondo me contano molto poco…

Daniele
Daniele
7 mesi fa

Bene Caserta. Ma soltanto il campionato dovrà decidere chi vince e chi perde.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News