Resta in contatto

News

Grifo double face: contro il Cittadella finisce 1-1

Un primo tempo caratterizzato dal cinismo, una seconda frazione in cui manca la precisione ma aumentano le occasioni. In gol Matos e Beretta. Occhio alle squalifiche per Pisa

E’ una partita dal doppio volto quella che va in scena tra Perugia e Cittadella. Una prima frazione soporifera con poche occasioni e un Grifo cinico, una mezz’ora finale da popcorn con azioni da una parte e dell’altra e un attacco biancorosso sprecone. Del primo tempo sono poche quelle degne di essere riportate. Gli uomini di Alvini passano in vantaggio al primo vero lampo del match grazie a Segre che recupera un pallone a metà campo, duetta con De Luca e dal limite pennella per Matos che controlla di petto e trafigge Kastrati con l’esterno destro. Sembra averci preso gusto l’attaccante argentino che segna il secondo gol consecutivo, ma nel secondo tempo emerge che sul piano della concretezza c’è ancora molto da lavorare.

Al 73′ Ghion avanza fino al limite dell’area e pesca in area Matos, che girandosi di prima intenzione calcia fuori. Da là riemerge il Cittadella: Beretta in tuffo di testa a porta praticamente vuota manda fuori il cross di Baldini che forse avrebbe anche potuto calciare. Cerca la rete di giornata De Luca ricevendo spalle alla porta e calciando da venti metri. E’ il momento clou del match con ritmi alti e molte occasioni. Chichizola mette i guantoni su Antonucci compiendo in maniera grandiosa quella che ai fatti è l’unica parata della sua partita. Sul corner che ne scaturisce arriva però il gol del definitivo pari con Beretta che dopo un tocco di Vanbaleghem questa volta non sbaglia. Matos ha la palla del potenziale nuovo vantaggio ma calcia male e si fa neutralizzare la conclusione da Kastrati in uscita. L’ultimo tentativo è di D’Urso che dopo uno slalom in area spedisce fuori.

Probabilmente nello spogliatoio biancorosso rimarrà più il rammarico che la felicità. La sensazione è che contro una buona squadra si potevano portare a casa i tre punti con più cinismo ed impedendo ai veneti di tornare in gara. La testa ora va al match di Pisa, dove non ci saranno Falzerano e Curado che erano diffidati e sono stati ammoniti. Da spiegare infine il lungo recupero di addirittura nove minuti: nel corso della gara c’è stata una lunga pausa perché Prontera ha dovuto sostituire l’apparecchiatura con cui comunica con assistenti e Var room.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "Non può giocare come professionista lo vedo bene con il pretola sulla fascia destra vicino al Tevere a chiappa le libellule no comment"

Grifo, prendi un attaccante e un centrocampista: le vostre richieste di mercato

Ultimo commento: "Diamogli anche Giulini in omaggio, visto che ci siamo XD"

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da News