Resta in contatto

News

Braglia: ‘Contro il Perugia la svolta, mi aspetto una grande partita”

foto Settonce/Andrea Rosito

L’allenatore del Cosenza ha svolto la seduta di rifinitura lontano da occhi indiscreti. Formazione top secret. “Le chiacchiere adesso sono finite”

Il Cosenza deve svoltare, al pari del Perugia. Due punti in cinque partite, anche se una sconfitta è stata rimediata a tavolino. Piero Braglia prova a spronare il suo gruppo. E contro la formazione biancorossa non esclude di apportare qualche modifica.

“Succedeva anche anni fa che ci facevano complimenti ma la classifica non cambiava _ spiega alla vigilia del match col Grifo _. Bisogna iniziare a pensare a qualcosa perché così facciamo fatica, perdiamo partite che nemmeno meritiamo di perdere. Non possiamo pensare ancora alla partita persa a tavolino (quella col Verona per impraticabilità di campo, ndr), dà fastidio vedere quello 0-3 sulla casella. Dobbiamo essere lucidi nell’esaminare le cose che non vanno. Mi fa piacere la determinazione vista in campo, però ora dobbiamo trovare la via per fare risultati. Noi ci vogliamo salvare e mantenere la categoria”.

Nell’analisi  della vigilia, Braglia annuncia anche qualche cambiamento.

“Credo che se i risultati non arrivano, qualcosa bisogna cambiare, magari da subito. Sono un tecnico pratico, bisogna dare una risposta concreta fin da subito perché la classifica poi si allunga e diventa tutto più difficile. Mi aspetto una grande partita da parte di tutti, è arrivato il momento di dare tutto e anche di più, rimettendo le cose su un binario giusto. A livello tattico finora non ci ha mai messo sotto nessuno, abbiamo sempre fatto le partite che dovevamo fare. Col Perugia dobbiamo svoltare, prendere la situazione in mano e trascinare gli altri, come è successo l’anno scorso. In Serie B grandi differenze tra le squadre non ce ne sono, conta come interpreti la partita. Sappiamo quello che dovremo fare e come ci dovremo comportare, sta a noi, le chiacchiere sono finite”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News