Resta in contatto

Amarcord

Giunti racconta la sua storia col Perugia: “Galeone mi ha cambiato al vita”

Il doppio salto dalla C alla A, i successi e le delusioni. E gli incontri speciali…

La prima volta che parlai con Galeone mi disse che voleva cambiarmi posizione, mettendomi davanti alla difesa. Io lo ascoltavo in silenzio e dentro di me pensavo: questo è pazzo. Ma accettai di provare. E dopo tre minuti capii che quella era la mia posizione“: così Federico Giunti racconta a ‘Grifo Ricordi’, su UmbriaTV, uno degli incontri che gli ha cambiato la vita, per sua stessa ammissione.

Lui ci ha conquistati con la sua autoironia e al tempo stesso la sua autorevolezza: non era mai banale“, dice a proposito del ‘Gale’ come lo chiama.

Con il tecnico napoletano una promozione ma anche una stagione sfortunata in serie A: “Dopo tanti litigi – ricorda Giunti – Gaucci mandò via l’allenatore, lasciandoci alla vigilia di una partita senza allenatore. Poi arriva Scala, che cambia sistema di gioco e scombussola la squadra“. Arrivano anche soddisfazioni (come la vittoria col Milan) ma alla fine si perde la serie A con la sconfitta di Piacenza che Giunti – lo racconta lui stesso in un’appendice – affronta dopo una settimana di febbre per una infezione.

Non l’avevo mai detto per non dare la sensazione di accampare scuse, ma mi ha dato fastidio che siano uscite tante voci su quella stagione. Noi ci prendemmo la responsabilità di non aver fatto i punti necessari alla salvezza, ma c’era una società che si doveva prendere delle responsabilità che non si prese, come averci lasciato una partita senza allenatore e averne poi preso uno che non andava bene per quella squadra“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Persona speciale."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Gugliemo Vicario è un talento, per capacità di concentrazione, continuità, attaccamento e professionalità. Complimenti."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Amarcord