Resta in contatto

Approfondimenti

È un Perugia più italiano: meno stranieri in rosa

L’impronta del ‘Made in Italy’ sempre più presente dopo l’arrivo di Angella: coincidenza ma anche necessità.

È un Grifo sempre più italiano quello allestito in vista del prossimo campionato, ha scritto Il Messaggero in questi giorni di calciomercato, quando ormai mancano meno di due settimane alla chiusura della sessione estiva.

Dopo una stagione in cui il club di Massimiliano Santopadre si era contraddistinto per essere tra quelli con il maggior numero di stranieri in rosa (Grifoni al settimo posto in questa speciale classifica) è in atto una chiara inversione di tendenza.

Lo scorso anno leader era il Crotone con 23 stranieri, seguito dal Verona con 20 e dal Palermo con 18. Il Perugia era a quota tredici insieme a Livorno ed Ascoli. La squadra più “autoctona” era stata il Cittadella con un solo giocatore non italiano.

Al momento, gli stranieri vestiti di biancorosso sono scesi a sette (i confermati Gyomber, Dragomir, Kouan e Konate e i nuovi arrivi Fernandes, Rodin, Nzita) e gli ultimi acquisti, come quello dell’italiano Angella, confermano la tendenza.

Una statistica che può essere letta da due punti di vista: possiamo parlare di semplice coincidenza (e senza dubbio una componente di casualità ha avuto il suo ruolo) ma anche di una precisa scelta di Roberto Goretti che scegliendo elementi italiani ha voluto evitare eventuali problemi di ambientamento: da notare che dei tre stranieri “nuovi” l’unico che ha qualche chance di partire subito titolare è Fernandes mentre Rodin e Nzita avranno ampia possibilità di adattarsi al calcio italiano e all’ambiente perugino.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forza grifo sempre…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non significa nulla

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Era orissima

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Meno rischio di assenze per convocazioni delle nazionali

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che c’entra di male

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Era ora

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da Approfondimenti