Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Giuseppe Barone, un americano a Perugia: “Grande feeling”

Appena inizia l’avventura con il Grifo, l’esterno a stelle strisce è stato fermato da un grave infortunio. Ora si racconta in un buon italiano: le origini siciliane di papà Joe, l’impatto con il calcio perugino e il tecnico Cosmi e i sogni nel cassetto…

Le spiagge del ragusano e il sole di Sicilia sono state la culla italiana del baby newyorkese Giuseppe Barone. Papà Joe ha trovato fortuna in America ma il legame con la sua terra è rimasto fortissimo e ogni estate arrivava il richiamo di Pozzallo.

Il pallone ha riannodato maggiormente il filo che lega la famiglia Barone all’Italia. Joe ha giocato nella squadra universitaria di Brooklyn è ha trasmesso la passione del calcio ai figli. Presto è arrivato il richiamo del Bel Paese. Sull’asse tra New York, Firenze e Perugia è nata l’avventura del secondo calciatore a stelle e strisce della storia del pallone biancorosso (dopo Gabriel Ferrari).

Giuseppe Barone, classe 1998, figlio del Direttore generale della Fiorentina e braccio destro del patron viola Commisso, a inizio 2020 ha coronato il piccolo sogno del primo contratto da professionista firmato in Italia con il Perugia. Un mese e mezzo di sorrisi e alta intensità prima della rottura del crociato in allenamento.

L’esterno statunitense, in questo periodo di stop, si racconta, in un buon italiano, fra una seduta di fisioterapia e il desiderio di tornare presto a calciare il pallone.

Giuseppe, come sta passando le sue giornate?
“Sono a Firenze per la prima parte di terapie dopo l’operazione del 21 febbraio. Sto bene, miglioro ogni giorno. La prima settimana è stata molto difficile ma lavoro per tornare in campo prima possibile. Ci vorranno 4 o 5 mesi, è la seconda volta che mi rompo il crociato, mi era già successo quando avevo 15 anni”.
Alla sfortuna per l’infortunio si è aggiunta anche l’emergenza per il Coronavirus. Come sta vivendo?
“E’ una momento difficile per l’Italia ma dobbiamo stare tutti uniti e rimanere a casa, rispettando le regole che ci sono in queste settimane. È importante per vincere in fretta questa partita”.
Quali sono state le sensazioni nei suoi primi giorni a Pian di Massiano?
“Quando ho firmato il contratto ho sentito subito il feeling con il Perugia e la Serie B. È un campionato difficile ma è un’esperienza molto importante per un giocatore giovane, sarà una buona cosa per me”.
Quali sono le differenze nel calcio tra Usa e Italia?
“I tifosi. Perugia è una piazza importante, per i tifosi devi sempre vincere e quando finisce l’allenamento li incontri fuori ad aspettarti. Negli Stati Uniti non esiste. Qui il calore della gente è spettacolare”.
Il Perugia dove può arrivare secondo lei?
“Non so se si ripartirà quest’anno, ma la classifica è corta e bastano due partite per rientrare nei play off”.
Ha conosciuto la città?
“Ho girato un po’ insieme a Fernandes e Perugia è bella. Chiaramente è diversa da New York (sorride, ndr), piccola ma carina”.
Che impressione le ha fatto Serse Cosmi?
“Quando ero in America vedevo il suo Palermo. Il mister vuole che si viaggi ogni giorno e mille all’ora e che la squadra dia tutto. È una grande persona fuori dal campo e un grande allenatore in campo”.
Suo padre cosa le dice?
“E’ felice per la mia esperienza in Serie B perché è importante per me. Gli dispiace solo di non potermi venire a vedere giocare”.
Il suo giocatore preferito?
“Dybala, è nei top 5 del mondo”.
Il suo ruolo preferito?
“In America facevo l’esterno alto del 4-3-3. Nel 3-5-2 di Cosmi ho fatto il quinto di destra”.
Negli Stati Uniti ci sono talenti pronti per il calcio italiano?
“Negli ultimi due o tre anni stanno emergendo bravi giocatori. Ma serve un po’ di tempo per adattarsi”.
Cosa ama di più dell’Italia?
“Il calcio e le spiagge”.
Ha un sogno nel cassetto?
“Ora penso al cento per cento al Perugia e un giorno vorrei giocare in Serie A”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ricordo a Siena in una delle prime partite della sua era eravamo fuori dallo stadio quando due o tre tifosi lo videro e gli dissero se li aiutava ad..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "io abitavo a Elce in via Torelli e Cecca era mio vicino di casa. ricordo un uomo vero in campo e fuori sempre rispettoso e disponibile un calcio d'..."

Il Perugia e la sua storia: la leggenda del ‘Sor Guido’ Mazzetti

Ultimo commento: "Un grande allenatore, un grandissimo uomo !"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Rappresenta il più grande PG di tt i tempi, nn solo x l'aspetto tecnico,ma x ciò che significò sotto l aspetto sociale caratterizzato da grande..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio