Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Perugia, Rosi: “Taglio stipendi? Faremo ciò che serve”

Parla il capitano biancorosso durante lo stop del campionato per l’emergenza sanitaria. I tempi per la ripresa, come le soluzioni per tamponare la crisi economico-sportiva, sono temi in stand by. Intanto “pensiamo a sconfiggere questo male invisibile”

“È una situazione surreale. Che fa male”. Aleandro Rosi è in collegamento dalla sua abitazione di Perugia e cerca una luce in fondo al tunnel dell’emergenza nella lotta dell’Italia e del mondo al coronavirus. “Negli ultimi giorni c’è un miglioramento ma evidentemente non eravamo pronti a una cosa così. Bisogna stringere i denti”.

Il capitano del Grifo ha appena fatto un briefing con i colleghi delle altre squadre e l’Aic ma “il calcio oggi va in secondo e anche in terzo piano. Pensiamo alle famiglie che soffrono, va sconfitto questo male invisibile”.

Sul tavolo dell’Assocalciatori ci sono tanti temi in stand-by, dalla ripresa dei campionati all’ipotesi della riduzione degli stipendi dei tesserati. “Al momento è solo un chiacchiericcio – spiega Rosi -, quello che c’è da fare si farà. Non sarà un problema ridursi in piccola parte lo stipendio. Non ho ancora sentito la dirigenza del Perugia, a giorni capiremo meglio. In questo momento bisogna solo unirsi e venirne a capo”.

View this post on Instagram

#training #iorestoacasa #miallenoacasa 🇮🇹

A post shared by Aleandro Rosi (@aleandro.rosi22) on

Intanto il difensore biancorosso tiene alto il ritmo con toste sedute casalinghe dopo aver rubato una parte del salone alla famiglia. “La mia compagna è molto aperta in questo senso – sorride – e la ringrazio perché mi sopporta. Ho già esperienza, non mi sono mai fermato nemmeno quando ero senza squadra”, prima dell’approdo a Perugia. “Mi alleno il più possibile, ci tengo ad essere da esempio. Provo a dare stimoli ai compagni”.

Tra le tante riflessioni del momento c’è anche una riscoperta. “Sto apprezzando molto la possibilità di stare vicino alle persone a cui voglio un bene infinito anche perché, normalmente, non ho tantissimo tempo da dedicare a mia figlia di tre anni e mezzo. Questa è un’opportunità”.

Sul campo, prima dello stop forzato, il Grifo ha vissuto “una stagione altalenante, delle difficoltà ci sono state. Però abbiamo anche fatto cose buone e per questo speriamo di tornare presto in campo perché vogliamo riprendere da dove abbiamo interrotto, la vittoria con la Salernitana, per dimostrare che possiamo fare meglio…”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "certo.... ma il cav. Ghini neanche ha saputo comprare le partite.... ricordi il 1986?"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Grande personalità, maestro di vita, semplicità da vendere .unico"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Gaucci per carità dio lo riposo in pace e abbia pietà di lui e stato la rovina il fallimento del nostro Perugia con le sue mattane ci a portato al..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Non fosse stato per quel decerebrato di Gaucci il Perugia sarebbe arrivato fra le prime 10 di A! Purtroppo aveva troppa voglia di togliersi dai piedi..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio