Resta in contatto

News

Grifo, senti Caserta: ‘Vedo potenzialità importanti ma non esaltiamoci’

Il tecnico dopo l’exploit di Ascoli loda i giovani e i  nuovi ma getta acqua sul fuoco: ‘Bene nel ritmo e nella voglia ma non abbiamo fatto niente. C’è tanto da crescere’

Dopo che il suo Perugia ad Ascoli ha letteralmente passeggiato su una squadra di categoria superiore, aspettarsi toni trionfalistici da Fabio Caserta significherebbe no conoscere il tecnico reggino. Che naturalmente, memore delle fatiche del debutto e dei prossimi, severissimi impegni, prende atto con soddisfazione della prestazione ma poi getta tanta acqua sul fuoco. Eccolo.

Di note positive ce ne sono tante – esordisce -. Alla prima partita contro il Fano abbiamo sofferto, ma oggi ho visto più ritmo e tanta voglia di vincere, sono molto felice. Bisogna d’altro canto lavorare ancora tantissimo, non abbiamo fatto niente, vincere aiuta moralmente a lavorare meglio in settimana, ma questa squadra ha bisogno di tenere sempre la tensione altissima’.

Come giudica le prestazioni dei nuovi? ‘Cancellotti ed Elia li conoscevo, li ho avuti. Come compagno Cancellotti e come giocatore Elia. Cancellotti ha qualcosa in più fisicamente ora come ora, ad Elia manca il ritmo-partita, ma conoscendolo è al 20 per 100. Sounas da avversario mi dava sempre fastidio marcarlo, ha qualità, grande forza nell’uno contro uno, può darci una grossa mano’.

E quelle dei giovani? ‘Bisogna fare i complimenti a Lunghi e Righetti, quelli che hanno giocato sono due giovani che non avevano mai fatto prima una partita con i grandi. Bisogna che capiscano anche loro che la C rispetto al settore giovanile è un’altra cosa. Sono contento, non era facile giocare ad Ascoli per due giovani che si stanno comportando bene. E anche Tozzuolo, volevo farlo entrare, per via di cambi forzati non ho avuto modo di vederlo all’opera ma sono sicuro che farà bella figura anche lui in questa squadra. Ci sarà tanto da lavorare per loro, sbaglieranno ma vedrete che cresceranno sempre di più’.

A che punto è questo Perugia? E dove può arrivare? ‘Potenzialmente questa squadra può fare bene, non bisogna esaltarsi per unna vittoria e non si deve deprimersi per una partita non bella. Le partite si devono giocare ogni domenica cancellando quella precedente, affrontarle nel migliore dei modi. Abbiamo potenzialità importanti, spero solo che si chiuda presto questo calciomercato per lavorare con la rosa e pensare solo al campo’.

Il prossimo impegno. ‘Ad Arezzo sarà difficile, cerchiamo di preparare questa partita nel migliore dei modi per andare a fare una grande prestazione, come vogliamo fare sia in casa che quando giochiamo fuori casa’

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Io non da perugino primo anno di università,in quella domenica fredda e piovosa al gol di cecca mi innamorai del grifo...."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News