Resta in contatto

Il muro del Tifoso

Caserta e grifoni, che succede? La via è smarrita, quali soluzioni? Dite la vostra

Caserta e grifoni, che succede? La via è smarrita, quali soluzioni? Dite la vostra

Dopo una promettente serie utile, il Perugia sembra essersi arenato: pareggi in serie e ora anche la sconfitta, difficoltà a segnare, errori dei singoli e alcuni giocatori al di sotto del rendimento standard. Cosa sta succedendo?

Forte di un organico sulla carta superiore alle avversarie, il Perugia di Fabio Caserta è partito con l’intento di riscattare la terrificante stagione della retrocessione, ma nell’ultimo mese – una vittoria, un ko e quattro pareggi nelle ultime sei partite – sembra avere smarrito il filo del discorso e a Trieste è tornato anche ad assaporare l’amaro sapore della sconfitta.

Cosa sta succedendo? E come si può uscire da questa situazione ricominciando il cammino positivo?

Lascia il tuo commento sotto questo articolo nella discussione tra tifosi biancorossi!

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Monica
Monica
29 giorni fa

Ora a trieste si e person una partita e ci sta e assolutamente obligatorio riprendere a vincere in casa con il ravenna in casa abbiamo gettato troppi punti ora basta e assolutamente obligatorio vincere in casa sempre e comunque con tutti e fuori casa provarci sempre a vincere lo so non e facile ma e obligatorio provarci provarci sempre si e person una Battaglia non la guerra la guerra va vinta arrivando primo a giugno

Giovanni
Giovanni
29 giorni fa

Non c’è bisogno di pressare continuamente giocatori ed allenatore , ricordiamoci che vieniamo da 7 risultati positivi e che il Perugia deve puntare a fare un buon campionato . La squadra è buona così com’è . P.S , Non li condannate appena perdono una partita che è un elemento che potrà influire in negativo per quanto riguarda le prestazioni sportive (fisiche e mentali) della squadra . Forza Perugia

Andrea
Andrea
30 giorni fa

la questione e’ molto semplice nel calcio non si inventa piu’ nulla. rispetto al padova mancano 2 attaccanti di spessore. e fortuna che melchiorri non ha avuto problemi fisici fino ad ora come al suo solito e ha tirato la carretta altrimenti ci trovavamo a fare un campionato con una punta soltanto come murano che ha sempre vivacchiato in c senza sfraceli.il padova ha come quinta punta un certo fantini che farebbe comodo a molti.

Roberto
Roberto
1 mese fa

Comunque, tanto per chiudere: vi ricordate quanto è andata di lusso con il Gubbio? Beh, come saprete, oggi il Padova l’ha sdraiato con tre gol in quel di Gubbio. Di cosa parliamo? Noi, solo per arrivare alla trequarti avversaria, ci mettiamo circa venti minuti, per poi ridare la palla all’avversario. Per amor del cielo!

Luigi
Luigi
1 mese fa

Bisogna chiedere a Caserta, perché non fa giocare i più forti invece di quelli che vuole il presidente!
Non è bastata la retrocessione!!
Continuiamo così!
Perché sono stati cambiati gli interpreti a centrocampo, quando la squadra funzionava bene e soprattutto vinceva?
Burrai voglio ricordare essere un giocatore di serie C, ha solo un anno lo scorso in B,( considerando che ha 33 anni), poi ha sempre giocato in C, non è assolutamente quello che vogliono farci credere e i risultati in campo si vedono!
Servono giocatori dinamici soprattutto in serie C e soprattutto se vuoi vincere!

Roberto
Roberto
1 mese fa
Reply to  Luigi

Condivido tutto. Anche quest’anno ci hanno voluto far credere che si trattava di una “grande squadra”… ma il giochino è finito!

Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
1 mese fa

1) cambiare modulo di gioco. Basta con il 3 5 2. Avanti con il 4 3 1 2 o meglio con il 4 3 3. Caserta è preparato ma è troppo difensivista. Troppo catenacciaro deve osare. Con i pareggi non si va da a nessuna parte. Mercato: Ciofani o ardemagni o Dionisi. Una mezzala che si inserisce e vede la porta. Certo il problema è sempre quello. Per andare al mercato di vogliono i soldi e non le chiacchiere. Sempre e solo Forza Perugia

Alessio
Alessio
1 mese fa

Di allenatori seri, umili e preparati come il nostro ce ne sono pochi nel panorama del calcio italiano. Quindi teniamocelo stretto e diamogli il tempo di fare anche qualche esperimento che possa contribuire a rendere la manovra più veloce e incisiva. Abbiamo l’attaccante più forte della lega pro e forse tra i migliori della serie b. La società ha allestito una buona squadra in poco tempo. La rosa è ottima anche se a centrocampo pecca di personalità. Qualche correzione proprio in quest’ottica credo sia necessaria a centrocampo e in attacco. Non facciamo drammi e lavoriamo sodo … senza trovare colpevoli.

Roberto
Roberto
1 mese fa
Reply to  Alessio

Osservazioni legittime. Ma teniamo presente che il girone di andata è praticamente finito e il campionato non dura in eterno. Va bene “lavorare sodo” (come dice 70 volte il mister!) ma bisogna anche “lavorare bene”, e – a mio parere – questa società anche quest’anno ha lavorato FINORA male, molto male. E gli interpreti non li scelgo certo io.

Roberto
Roberto
1 mese fa

Sarebbe troppo facile criticare dopo una sconfitta, ma il fatto è che questo Grifo di Caserta a me non ha convinto fin dall’inizio. La partita oscena di ieri è stato uno dei tanti spettacoli vergognosi a cui purtroppo ci stiamo abituando da TROPPO tempo: cambiano le figurine ma il risultato non cambia. Caserta in piena confusione: ha 3 uomini che sanno giocare a calcio, uno è sfinito, gli altri due entrano quando la spina è definitivamente staccata. Per me la realtà è chiara: questo club DEVE cambiare manico.

Mauro
Mauro
1 mese fa
Reply to  Roberto

Oscena?…. Ma se non la butti dentro ha colpa Caserta? Vedi rosi che ha fatto da 3 metri dalla porta

Roberto
Roberto
1 mese fa
Reply to  Mauro

Allora non hai capito niente! Non ho detto che è colpa di Caserta, semmai ho detto che è in totale confusione… il problema di tutti i problemi è il vertice.

Altro da Il muro del Tifoso