Resta in contatto

News

Grifo, Melchiorri e Rosi hanno rinnovato fino al 2023. A gennaio tocca a Dragomir

L’anticipazione nelle edizioni umbre de La Nazione e Il Messaggero: prolungato il legame con capitano e attaccante che hanno anche spalmato e ritoccato gli ingaggi. Il rumeno non sarà mandato a scadenza

La notizia è stata data in anteprima dalle edizioni umbre de Il Messaggero e La Nazione in edicola: Aleandro Rosi e Federico Melchiorri hanno rinnovato il contratto con il Perugia, che ha anche preso l’appuntamento con Vlad Dragomir per fare altrettanto.

Ebbene sì, in tempi non sospetti la società ha mosso le sue pedine per il prolungamento di contratto del capitano, che era in scadenza 2021 ma si è accordato con il club biancorosso fino al giugno del 2023, accettando contestualmente di spalmare il proprio ingaggio in due anni e mezzo. Rosi dunque si lega al Perugia per altri due anni.

Operazione simile per Federico Melchiorri, che ha a sua volta allungato e ritoccato il contratto con il Club di Pian di Massiano, precedentemente in scadenza 2022. Melchiorri, sul quale la società ha puntato senza riserve come elemento attorno al quale costruire il progetto della rinascita nella scorsa estate dopo la retrocessione, ha ritoccato l’ingaggio e allungato il contratto di un anno, fino al giugno del 2023. Sia Rosi che Melchiorri hanno 33 anni e potrebbero dunque chiudere le rispettive carriere con la maglia del Perugia addosso.

Sono intanto iniziate le grandi manovre per i rinnovi dei grifoni in scadenza e ci sarebbe già l’appuntamento con Vlad Dragomir (21 anni), che in questa stagione nonostante l’impiego un po’ a singhiozzo sta tornando ai livelli di rendimento del primo campionato perugino e il cui contratto scade nel giugno del 2021. Dragomir – anche nel recente passato oggetto delle attenzioni dei più importanti club internazionali e italiani – pareva destinato ad andare a scadenza e liberarsi a parametro zero, ma così non sarà: l’appuntamento con la società per il rinnovo sarebbe fissato ai primi di gennaio, al rientro del giocatore dalle vacanze.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News