Resta in contatto

News

Grifo, missione compiuta a Verona

Partita gestita senza patemi dai biancorossi (3-0). In gol Melchiorri, Rosi e Murano. Si rivede in campo Negro. Debutta il baby Morina

Turbo nel primo tempo, pilota automatico nel secondo. Il Perugia gestisce bene la terza trasferta consecutiva e riporta i tre punti da Verona. La squadra di Caserta dimostra di saper soffrire, ma non subisce il colpo con Minelli che mantiene la porta inviolata per la terza volta nelle sue quattro partite da titolare. Nel primo tempo Danti colpisce il palo, nella seconda frazione il numero 10 della Virtus vede il portiere biancorosso opporsi compiendo un miracolo dopo la deviazione di Monaco sulla punizione calciata dal trequartista. Ma alla fine, la voce gol subiti recita “zero”.

Due ritorni al gol, con il Grifo che non segnava tre gol dalla netta vittoria sul Modena. La sblocca Rosi, alla seconda rete con la maglia biancorossa (dopo quella in Coppa Italia contro l’Ascoli). Melchiorri ritrova la gioia personale che mancava da quasi due mesi, dal 4-0 contro il Legnago. A chiudere i conti ci pensa Murano, che prima lanciato da Kouan sbaglia clamorosamente un gol e poi si fa perdonare superando Daffara con una finta di corpo e incrociando per il 3-0. Diverse le occasioni create dai biancorossi, con il match che sarebbe potuto terminare con un risultato ancora più tondo. Notizie positive anche dalle sostituzioni: Negro torna in campo dopo l’infortunio. Nel finale c’è spazio anche per il debutto del classe 2003 Morina. Niente sorpasso sul Sudtirol, che dopo essere andato in svantaggio completa la controrimonta sul Legnago. Per sapere se la vittoria permette di accorciare sulla vetta, bisognerà aspettare il posticipo tra Triestina e Padova.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News