Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Giugliarelli: “Lavoro come se dovessi stare qui 100 anni. Così vedo il Grifo del futuro…”

Il ds biancorosso: "In Serie C le entrate non ci sono e bisogna generarle attraverso un sistema virtuoso, ovvero la cessione dei calciatori"

Il direttore sportivo del Perugia, Jacopo Giugliarelli, è stato ospite a Fuori Campo su Umbria Tv, dove ha parlato di Grifo a 360 gradi, dagli obiettivi attuali a quelli a lungo termine, dai giovani a quello che potrà essere il futuro del club. Ecco i passaggi cruciali:

I Playoff. “Inizierà un nuovo campionato, conterà arrivarci nella condizione fisica migliore e senza squalifiche e infortuni. Ma la cosa più importante sarà il percorso nella stagione regolare perché ciò che siamo oggi non saremo a fine campionato”.

I nostri giovani. “I contratti ai tre 2005 è il premio a quelle persone che lavorano quotidianamente per questo obiettivo, che mette da parte l’ambizione personale per un sentire comune, quello di vedere arrivare in prima squadra. Li seguono senza avere nulla in cambio, solo per un sentire comune. La prima squadra è il giusto tributo per ciò che piano piano in questi anni si è seminato”.

Kouan. “Qualche tempo fa abbiamo fatto un’offerta di rinnovo e il ragazzo in quel momento ha ritenuto giusto aspettare. Noi dobbiamo essere grati a Christian per l’impegno dimostrato in questi anni, vedremo da qui alla fine quali saranno le sue scelte. Chiaro che da quel momento, noi ci siamo orientati anche verso altri profili, ma se lui è quello delle ultime gare è importantissimo e ce lo teniamo stretto”.

Iannoni. “Ha con noi un prestito biennale con diritto di opzione e contropzione, da parte nostra c’è ampia soddisfazione, il ragazzo potrà crescere ancora, valuteremo se esercitare il diritto, lo riteniamo un ragazzo importante che potrà avere un futuro a Perugia o anche in società più importanti. Ha avuto richieste in estate e a gennaio, ma non ha mai chiesto di essere ceduto, a dimostrazione della sua serietà e del suo attaccamento“.

Seghetti. “Ce lo teniamo stretto ma è impossibile prevedere il futuro, non faccio promesse. Qualora dovesse arrivare una richiesta molto importante la valuteremo, ha dato tanto e ce lo teniamo ben stretto. Attorno a lui c’è tanta attenzione, aveva richieste già quando era in primavera da società di Serie A. Le cessioni sono opportunità, pensate al Napoli di Spalletti: nell’anno pre-scudetto lasciarono i più rappresentativi e tutti pensavano ad una stagione fallimentare, invece è stata la più esaltante. I giocatori bisogna avere le capacità di sostituirli”.

Paz. “È di proprietà del Sassuolo che ha fatto un investimento importante, i rapporti sono ottimi ma è qui a titolo temporaneo, qualora dovesse decidere di tenerlo noi lo abbiamo messo in preventivo”.

Lewis. “Stabilmente seguiamo tutti i campionati, conoscevamo lui e altri giovani del Feyenoord. Il campionato irlandese lo seguiamo come scouting, appetibile per la C italiana. Diventa determinante conoscerli perché arrivano 2-300 segnalazioni a settimana e per fortuna oggi ci sono strumenti video che accorciano i tempi. Attraverso una serie di piattaforme lo abbiamo studiato, noi lo abbiamo invitato in prova e lui si è messo in discussione. Applicazione e umiltà straordinarie, io avevo deciso già prima. Per come è oggi il mercato purtroppo è più conveniente acquistare all’estero. La verità è che il processo formativo in atto nel mercato italiano non è uguale ad altri paesi, ad esempio in Olanda maturano esperienza a 16-18 anni quello che i nostri giovani maturano a 23-24“.

Il Perugia del futuro. “In C possibili solo otto prestiti, tutti gli altri devono essere di proprietà con l’obiettivo di far coesistere l’aspetto sportivo e quello dell’integrazione dei giovani che possano nel tempo portare avanti una struttura di gioco determinata. Poi si devono aggiungere giocatori per fare il salto di qualità, che non per forza devono essere nomi di grido. Mi sono approcciato a questo ruolo con grande senso responsabilità, non ci avevo mai pensato anche se il presidente mi aveva detto più volte che potenzialmente sarei potuto essere il suo ds del futuro. A me piaceva molto il settore giovanile e mi piace stare nel presente, per questo non ci pensavo. Sono felicissimo e grato dell’opportunità, tengo troppo al mio percorso lavorativo, credo molto nel percorso del Perugia e lavoro come se dovessi stare qui per 100 anni. Giusto e doveroso, non penso al mio futuro ma a quello della squadra e della società“.

Il futuro di Giugliarelli e Formisano. “Abbiamo il contratto per un altro anno e lo dovete chiedere al presidente, per me questo percorso nel Perugia è solo iniziato, so che i risultati sono decisivi, ogni giorno mi sento in discussione e sono chiamato a rendere al massimo. Ho un legame particolare con questa società e di gratitudine personale nei confronti del presidente”.

Cessioni. “Io sono tifoso, sono perugino ma dobbiamo capire che le società sono aziende e quelle che sono in perdita chiudono. Qualcuno fa finta di non saperlo e alla fine dell’anno c’è sempre il segno meno. Il Perugia non rischia di scomparire ma la C espone più della B e della A perché le entrate non ci sono e bisogna generarle attraverso un sistema virtuoso, ovvero la cessione dei calciatori. Non ci sono altri proventi determinanti nelle società di C, dati alla mano dobbiamo esserne tutti consapevoli. Tutte le società devono fare i conti con aspetto sportivo ed aspetto economico, per fortuna noi abbiamo una proprietà assennata che chiede questa coesistenza”.

Società in vendita. “Il presidente non lo ha mai nascosto, ha fatto un comunicato stampa in estate. Ma la passione che lui ha non lo distoglie certo dall’obiettivo sportivo: ds e allenatore e giovani, questo sarà il progetto sportivo e non è detto che non possa essere potenzialmente vincente. Ho la fortuna di conoscerlo da tempo, e tra di noi c’è un rapporto diretto, schietto, sincero, ci confrontiamo su tutto, dalla gestione club a quella tecnica. Il pres per quanto mi riguarda mi può insegnare tantissimo, anche da uomo di calcio. Un privilegio confrontarmi con lui quotidianamente perché la storia del presidente Santopadre a Perugia, al di là delle ultime vicissitudini, è molto importante per il nostro club. C’è condivisione totale delle scelte”.

 

Subscribe
Notificami
guest

29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

pucciarelli empoli
Con l'attaccante esterno il nuovo tecnico dei marchigiani avrà più soluzioni offensive, c'è anche l'ex...
Il Perugia affronterà la Vis Pesaro sapendo già i risultati delle dirette concorrenti, con particolare...
Dieci incontri a Pesaro tra Perugia e Vis con un bilancio di due vittorie per...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

Altre notizie