Resta in contatto

News

Perugia, Mustacchio spera nella doppietta all’Arechi, come nel 2015 con la Pro

Tre anni fa, grazie a una sua doppietta, la Pro Vercelli portò via i tre punti da Salerno. Ora Mattia, in rampa di lancio (e in una posizione diversa col nuovo modulo), punta a ripetersi.

Una vita da precario. Questa è stata la carriera di Mattia Mustacchio, sul punto di esplodere (nei momenti migliori) oppure relegato a terza/quarta scelta (in quelli peggiori). Colpa anche di quel suo modo così particolare di affrontare il campo. E colpa anche del fatto che, complice il suo essere un po’ giramondo, non ha mai trovato una reale collocazione tattica. Esterno offensivo, attaccante, laterale di centrocampo: destra, sinistra, centro. Ha giocato ovunque.

Ora, dopo un’estate in bilico e dopo molte panchine quando Nesta (in teoria) adottava il modulo a lui più congeniale, si ritrova magicamente in rampa di lancio in questo 4-3-3 atipico, in cui fa un po’ l’esterno e un po’ il centravanti. Complice anche il recente infortunio di Vido e quello, più indietro nel tempo, di Han, Mustacchio si candida seriamente ad un posto da titolare nella trasferta di Salerno, dove arriverà forte di un’ottima prestazione (con gol) nell’amichevole di Bologna.

Finalmente, sembra essere giunto il suo momento, dopo che, ormai due anni fa, il Perugia investì 400mila euro per il suo cartellino, proprio quando Bucchi, che lo aveva preso per fare l’esterno alto, si accingeva a cambiare modulo passando al 3-5-2. D’altronde l’Arechi gli porta bene – come ricorda l’edizione odierna del Messaggero – visto che il 27 novembre 2015 l’attaccante di Chiari siglò una strepitosa doppietta (gran destro al 10’, colpo di testa decisivo al 77’) suggellando il blitz della Pro Vercelli in casa della Salernitana. Perché non riprovarci…

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Segna solo in amichevole

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News