Resta in contatto

News

Perugia: c’è Grosso in prima fila per il dopo Nesta

L’ex grifone è reduce dall’esperienza sulla panchina del Verona ed è già stato vicino al ritorno a Pian di Massiano da allenatore. Oddo resta un profilo interessante.

Il Perugia volta pagina. È la giornata del rompete le righe, della cena finale della stagione ma è già partita la caccia al sostituto di Alessandro Nesta (“Esperienza incredibile”). Il Direttore dell’area tecnica, Roberto Goretti, monitora da tempo la situazione anche se ha sperato fino all’ultimo di poter proseguire quel disegno tecnico iniziato un anno fa (il ringraziamento del club).

L’identikit porta ad un allenatore con idee giovani, in grado di proporre un calcio di qualità, per portare avanti quanto fatto in questa stagione. In aggiunta deve essere un tecnico che abbia una certa confidenza con la Serie B degli ultimi anni. Il profilo di Massimo Oddo, reduce dalla fetta di campionato negativa alla guida del Crotone, è da tempo preso in considerazione. L’ex campione del mondo segue la strada del 4-3-1-2 e, a Pescara, ha fatto grandi cose in fatto di qualità e risultati (promozione in A passando dai playoff).

In cima alla lista però c’è un altro campione del mondo e anche ex grifone. Quel Fabio Grosso che Goretti insegue già dai tempi in cui guidava la Juventus Primavera. L’allenatore abruzzese non è riuscito a chiudere il cerchio con la promozione alla guida di Bari (ko ai playoff lo scorso anno) e Verona (esonerato tre settimane fa) ma è considerato dal grande potenziale.

Tutto passerà dai colloqui con il patron Santopadre che dovrebbero andare in scena già in questa settimana.

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] fatto è una volata fra i due campioni del mondo del 2006. In pole position è partito Grosso che si dovrebbe eventualmente liberare dal Verona (ha ancora un anno di […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Spero di no ne Bucchi ne Camplone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Piamo quello che costa meno e investiamo sui giocatori che è meglio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Grosso con l’esperienza nelle giovanili della Juventus potrebbe essere idoneo per un progetto simile a quello di quest’anno, ovvero rosa con molti giovani e magari anche iniziare seriamente un discorso che parte dal vivaio. Fermo restando che l’idea non mi entusiasma…ma è sempre il campo a dare le sentenze. Vedremo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Se viene grosso cambio squadra…non è andata in A con una rosa pazzesca… figurati…con Santo padre è C sicura

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Sicuramente il meno che costa.???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Grosso noooooo!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

No Grosso no. Didatticamente e tecnicamente non preparato.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Secondo me prendono quello che allenava la ponte vecchio stanno è retrocesso e s’è liberato costa poco

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

È una sciagura…. esonerato a ripetizione…. x carità….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Spero di no per Grosso

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

A me Grosso piace.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Nooooooo vi prego lui nooo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Ancora?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Ma perche’non ci date Serse Cosmi

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News