Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Perugia, Greco: “Orgoglioso di essere italiano”

Il centrocampista biancorosso sta vivendo lontano dalla famiglia l’isolamento per l’emergenza sanitaria: “I figli mi mancano tantissimo”. Intanto Leandro studia Velasco e guarda al rush finale di campionato in cui “potrà succedere di tutto”

“Per la prima volta in carriera non mi sono portato dietro la famiglia” e quindi il ritiro forzato a Perugia, per l’emergenza sanitaria, lo “sto vivendo da solo, mi mancano tantissimo i figli e mi rimproverano, soprattutto le femminucce. Ci teniamo aggiornati con FaceTime”. Leandro Greco racconta così l’isolamento lontano dalla sua Roma.

Per il 33enne centrocampista del Grifo è il momento di tenere duro, come ha fatto tante volte in carriera. Ed è anche un’occasione. “Ho preso una bike per mantenere un minimo di allenamento e, vista l’idea di fare l’allenatore in futuro, sto ripassando e mettendo a fuoco alcuni concetti cari a Julio Velasco”.

Il tecnico delle “generazione di fenomeni” della Nazionale italiana di pallavolo e la sua “cultura degli alibi” è un riferimento per il calciatore del Perugia. “Velasco ne ha fatto un marchio di fabbrica: dimostra come tanti atleti, nelle difficoltà, hanno l’istinto di crearsi alibi invece di prendersi responsabilità e affrontare i problemi. Soprattutto negli sport di squadra. Un po’ come avviene nella vita quotidiana”.

Nella parole del centrocampista ex Roma ci sono esperienza da vendere, idee chiare e un sorriso di positività. Gli stessi ingredienti che ha portato nel gruppo di Cosmi a gennaio. “In ritiro abbiamo messo a fuoco alcune difficoltà e anche nelle partite con Empoli e Benevento, nonostante le sconfitte, c’erano stati dei segnali. La vittoria con la Salernitana ci ha dato modo di respirare e tolto dei brutti pensieri”.

Impossibile prevedere i tempi di un ritorno alla vita normale e di una ripartenza del campionato, ma Greco guarda oltre. “Da un po’ di giorni ho smesso di ascoltare i giudizi di tanti esperti non esperti. C’è una situazione drammatica e la gente sta rispondendo in maniera incredibile. Nel nostro dna c’è questa empatia e solidarietà. Oggi sono ancora più orgoglioso di essere italiano”.

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

purtroppo non vederli è una tragedia per tutti

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ricordo a Siena in una delle prime partite della sua era eravamo fuori dallo stadio quando due o tre tifosi lo videro e gli dissero se li aiutava ad..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "io abitavo a Elce in via Torelli e Cecca era mio vicino di casa. ricordo un uomo vero in campo e fuori sempre rispettoso e disponibile un calcio d'..."

Il Perugia e la sua storia: la leggenda del ‘Sor Guido’ Mazzetti

Ultimo commento: "Un grande allenatore, un grandissimo uomo !"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Rappresenta il più grande PG di tt i tempi, nn solo x l'aspetto tecnico,ma x ciò che significò sotto l aspetto sociale caratterizzato da grande..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio