Resta in contatto

Approfondimenti

Il segreto del Grifo: la strategia di Caserta per valorizzare tutti

Il tecnico biancorosso ha utilizzato ventidue giocatori per almeno dieci partite. Solo Minelli e i baby sono out da questa lista. Numeri importanti a supporto di una filosofia vincente e di una rosa di altissimo livello

“A Perugia tutti sono importanti ma nessuno è fondamentale”. Il Perugia di Fabio Caserta come l’Inter di José Mourinho o quello di Antonio Conte. Da quando è arrivato in Umbria il tecnico biancorosso ha inculcato questa filosofia nei grifoni. Allenamento dopo allenamento, conferenza dopo conferenza come un martello ha battuto su questo dogma. La scelta di Caserta è stata quella di far sentire tutti al centro del progetto e pronti a dare tutto per la squadra da titolari o da subentrati. Un asset mentale adatto alle grandi squadre in cui il valore è ben distribuito, come in questo Perugia.

Non solo parole, ma soprattutto fatti. Arrivati a due partite dal termine della stagione, i numeri danno ragione all’allenatore ex Juve Stabia che spesso ha scelto con estrema sensibilità quando dare più o meno spazio ad un biancorosso. Sono 22 i grifoni che sono stati utilizzati per almeno dieci partite, ne rimangono fuori solamente Minelli e i baby (Konate e Lunghi tra tutti). Il Perugia ne ha tratto beneficio anche a livello realizzativo, essendo la squadra del Girone B con il maggior numero di marcatori (17). Non solo, i gol sono anche ben distribuiti tra i reparti. I biancorossi hanno il maggior numero di difensori andati in gol (6), secondi solo alla Vis Pesaro per numero di reti del reparto arretrato (7), ed hanno 5 giocatori che hanno segnato più di cinque reti con un attacco nel complesso più prolifico di quelli del Padova e del Sudtirol. Solo dopo la trasferta in casa della FeralpiSalò si potrà dire con certezza se la scelta della filosofia su cui è costruita la squadra sia quella giusta. Per ora, grazie anche ai quattro gol dei subentrati nelle ultime due partite, ha permesso di completare la rimonta su Padova e Sudtirol. Per confermarsi una grande squadra il Grifo dovrà saper mantenere la prima posizione.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Roby72
Roby72
3 mesi fa

Si ma Vano che l’abbiamo preso a fare?

Neno da Spoleto
Neno da Spoleto
3 mesi fa
Reply to  Roby72

Ogni tanto una bufala la prendiamo, purtroppo. Doveva sostituire Bianchimano, invece è molto più utile e tecnico Bianchimano di Vano( non solo segna ma sa fare anche gli assist ) Vano un errore madornale .

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da Approfondimenti