Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo non sei solo, è serie B-rivoluzione!

Più della metà dei club della prossima cadetteria hanno cambiato tecnico, in otto non sanno ancora chi siederà in panchina

Giorni caldissimi a Perugia. In attesa dell’incontro definitivo tra la società e Caserta crescono tra i tifosi l’ansia e la sensazione di ritardo. Cosa farà? Andrà via o rimarrà? Ma guardandosi intorno, il Perugia non è sicuramente l’unica squadra in queste condizioni. Anzi tra le diciannove squadre che il prossimo anno disputeranno la Serie B, in attesa di conoscere la ventesima che otterrà la promozione attraverso i play off di C, più della metà hanno cambiato allenatore e in otto non sanno ancora chi siederà in panchina.

Una minoranza (poco più di un terzo) i club che hanno confermato i propri allenatori. Grosso ha rinnovato a Frosinone, la Ternana e il Como saranno guidati anche in B da Lucarelli e Gattuso, poi Pecchia a Cremona, D’Angelo a Pisa, Sottil all’Ascoli e Di Carlo a Vicenza. Per il resto è rivoluzione. Il Parma il 27 maggio è stata la prima squadra ad aver ufficializzato il nuovo tecnico: Maresca fresco di vittoria del campionato con l’Under 23 del Manchester City. Hanno seguito gli annunci di Stroppa a Monza il 28, di Baroni al Lecce e di Aglietti alla Reggina il 31. Ma ci sono anche otto squadre che hanno ancora un grosso punto interrogativo alla voce prossimo allenatore. Il Cittadella sta attendendo di conoscere il futuro di Venturato, il Perugia quello di Caserta. Benevento, Brescia, Chievo Verona, Spal, Pordenone e Crotone hanno invece proprio il posto vacante. Il discorso poi non cambia molto guardando anche la Serie A, dove diverse squadre (Inter, Roma e Juventus su tutte) hanno cambiato allenatore ed altre come Lazio ed Hellas Verona sono in attesa.

Inutile quindi farsi prendere dalla fretta e dall’ansia per il prossimo allenatore. In questi giorni sicuramente si saprà di più, ma escludendo gli allenatori confermati, tra gli altri club non è passata neanche una settimana dalla prima ufficialità. E non va dimenticato che l’intera squadra, comprendendo giocatori, staff tecnico e società, che ha completato la cavalcata vincente togliendo in un solo anno il Grifo dalle sabbie mobili della Serie C è stata costruita praticamente in quindici giorni. Perciò, calma e gesso. E per il futuro, chi vivrà vedrà.

Stato club allenatori

Ascoli: confermato Sottil

Benevento: in attesa del sostituto di Inzaghi (richieste per Caserta)

Brescia: in attesa del sostituto di Cloet (possibile Gastaldello)

Chievo Verona: in attesa del sostituto di Aglietti (possibile Alvini)

Cittadella: in attesa di conoscere il futuro di Venturato

Como: confermato Gattuso

Cremonese: confermato Pecchia

Crotone: in attesa del sostituto di Cosmi (possibile Modesto)

Frosinone: confermato Grosso

Lecce: sostituito Corini con Baroni

Monza: sostituito Brocchi con Stroppa

Parma: sostituito D’Aversa con Maresca

Perugia: in attesa di conoscere il futuro di Caserta

Pisa: confermato d’Angelo

Pordenone: in attesa del sostituto di Domizzi (possibile Paci)

Reggina: sostituito Baroni con Aglietti

Spal: in attesa del sostituto di Stroppa

Ternana: confermato Lucarelli

Vicenza: confermato Di Carlo

 

 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
JACOPO
JACOPO
19 giorni fa

Abbiamo un gran presidente ed un’ottima società. Sanno quello che fanno. E ricordiamoci sempre che su 116 anni di storia, in serie A ne abbiamo passati solo 13, quindi… non è un disonore fare una buona serie B.

Caserta? Un buffone.

JACOPO
JACOPO
20 giorni fa

Il sig. Caserta pensa di essere diventato Guardiola o Klopp???
Ha un contratto fino al 2023 quindi è lui che vuole andarsene

Jimmy
Jimmy
20 giorni fa

Conta solo il Grifo, gli allenatori passano… Se va via Caserta gli auguro la carriera d’allenatore di Nesta e Bucchi
Chi vuole volare troppo in alto se brucia
Ah, x fortuna il Benevento e’ una societa’ ‘amica’

Giuliano
Giuliano
20 giorni fa

Non farsi prendere dalla fretta e dall’ansia? Ma certo, a Perugia facciamo le cose con calma, che fretta c’è. Arriviamo a fine agosto. Anzi non lo scegliamo affatto il tecnico, tanto a Perugia mica la fa lui la squadra. Le viene in mente sig. Ripandelli che i piloti vincenti son quelli che fanno grandi le scuderie e non il contrario? Vinto un campionato con una squadra fatta in 15 giorni? Certo infatti se non fosse stato per Caserta il campionato lo avremmo vinto col piffero … In B poi? Ovvio che le retrocesse cambino allenatore, e sono tre, come le… Leggi il resto »

Gabriele
Gabriele
20 giorni fa
Reply to  Giuliano

Forse quello che ancora non è stato capito è che nessuno ha rinunciato a Caserta che ha un contratto e per di più con l’ingaggio raddoppiato ma è Caserta che (a torto o ragione) vorrebbe magari andare ad allenare una squadra che punta alla vittoria del campionato, la società cosa dovrebbe fare? Farlo rimanere per forza magari demotivato e con la testa altrove?

Marco Tinarelli
Marco Tinarelli
20 giorni fa
Reply to  Gabriele

Si. Deve onorare il contratto. E se non lo fa, il Presidente deve congelarlo per un anno, stessa cifra dell’anno scorso e mandarlo ad allenare le giovanili. Basta coi ricatti…ma chi è Mourinho ???

Brini
Brini
20 giorni fa
Reply to  Gabriele

Incredibile pensare che un allenatore forse lascia Perugia per Benevento, ma che blasone avrebbe questa squadra, ha fatto due campionati di A ed è subito retrocessa!! e a quel punto proverei a richiamare Bucchi!! Come Allegri è tornato alla juve…

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti