Resta in contatto

Euro 2020

Shock Eriksen, parla Sabrina Curi: “Inevitabile immedesimarsi nel dolore”

La figlia del compianto Renato all’Ansa: “Contenta che dopo 44 anni la scomparsa di papà ci siano finalmente dei modi per evitare queste tragedie”

In molti guardando le immagini shock di Christian Eriksen in Danimarca-Finlandia avranno ripensato alla tragedia di Renato Curi. Quarantaquattro anni dopo la scomparsa del grande numero otto della storia biancorossa, un filo invisibile collega le due vicende. Fortunatamente questa volta l’accaduto non ha avuto esito fatale per il centrocampo danese dell’Inter, anche se il medico della sua Nazionale ha affermato: “Era praticamente morto. Era in arresto cardiaco, non so come abbiamo fatto a rimetterlo al mondo”.

Un miracolo possibile a causa di tragedie come quella di Piermario Morosini, la cui scomparsa con la maglia del Livorno ha imposto l’obbligo del defibrillatore. A parlare dell’accaduto è stata anche Sabrina Curi, figlia di Renato, che ha dichiarato all’Ansa: “Ho pregato molto per lui. E’ inevitabile immedesimarsi nel dolore della famiglia sia che venga salvato sia che vada male. Ora sono felice che stia meglio. Posso dire che rivivere situazioni del genere non è mai piacevole e il dolore per la morte di papà resta. Sono contento che dopo quarantaquattro anni ci siano finalmente dei modi per evitare queste tragedie”.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Max
Max
1 mese fa

Io ero presente allo stadio quello sventurato giorno.
Forse se gia’ all’epoca ci fosse stato un defibrillatore Renato Curi si sarebbe potuto salvare.
Purtroppo Renato e’ stato sfortunato anche su questo.
Resti sempre nei nostri cuori caro Renato.

Grifone Fontivegge
Grifone Fontivegge
1 mese fa
Reply to  Max

La pioggia deve anche aver peggiorato le condizioni quel giorno fatale…

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Euro 2020