Resta in contatto

News

Elia: “Grifo forte con o senza di me”

L’esterno a San Marino Rtv non si sbilancia sul futuro: “Caserta come un padre? La mia famiglia rimane quella di Lecco. A Perugia serviranno tre o quattro ritocchi”

Cosa farà Elia? Sono in molti i tifosi del Grifo a porsi questa domanda. Da una parte il Perugia, con il quale il calciatore ha ritrovato la Serie B, dall’altra il Benevento, che nei prossimi giorni ufficializzerà Caserta. In mezzo l’Atalanta, che potrebbe anche decidere di trattenerlo ma più probabilmente sceglierà la migliore destinazione per un ulteriore prestito. L’esterno reduce da una stagione molto positiva anche a livello individuale, con nove reti, sette assist e il premio di Miglior Grifone, non si sbilancia sul futuro: “Avere un tecnico che tiene a te è sempre importante e fa piacere. Caserta mio padre calcistico? Ancora non abbiamo firmato niente (ride, ndr) e la mia famiglia resta quella di Lecco con cui mi trovo alla grande”.

L’attaccante intervistato da Lorenzo Giardi e Massimo Boccucci nel corso della trasmissione C Piace su San Marino RTV ha parlato della B che aspetta il Perugia: “Penso che a prescindere dalla mia presenza siamo una squadra forte. Serviranno tre o quattro ritocchi”. Parlando degli idoli, emerge il paragone con un ex Grifo: “Non mi sono mai ispirato a un attaccante, ma se dovessi scegliere tra gli azzurri di Mancini mi rivedo in Spinazzola”. Infine una battuta sulla festa promozione (“Senza il coprifuoco sarebbe stata un’altra cosa”) e sui giovani (“La presenza di Locatelli in Nazionale è la dimostrazione che i giovani hanno bisogno di continuità e possibilità di mettersi in mostra. Poi sta al giovane farsi trovare sempre pronto”),

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marco Tinarelli
Marco Tinarelli
1 mese fa

Dovrebbe rimanere…a tutti i costi. Sarebbe un bel segnale da parte della Società…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Elia se ci dai buca anche te si va ha guardar la sir

Rolando
Rolando
1 mese fa

La pallavolo mai

Giancarlo Ribeca
Giancarlo Ribeca
1 mese fa

Senza Elia non è uguale….il giocatore più forte….speriamo che rimane con noi …ti aspettiamo sasa ‘…..

Enrico
Enrico
1 mese fa

Sì, bonanotte: e secondo voi Santopadre farà il possibile e l’impossibile per trattenerlo?
‘Nsè mai visto…

Gabriele
Gabriele
1 mese fa
Reply to  Enrico

Poi magari ci spiegherà anche come farebbe Santopadre a fare di tutto per trattenerlo dato che Elia è in prestito dal Atalanta, capite perché non siete credibili? Perché mettete in mezzo la società anche dove oggettivamente non può fare niente

walter
walter
1 mese fa
Reply to  Enrico

Elia è in prestito dunque decide l’Atalanta….e il Perugia al massimo avrà il suo premio valorizzazione con il riscatto proprio e il controriscatto degli orobici

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News