Resta in contatto

News

Grifo, clamoroso incremento di spettatori al ‘Curi’

Dai quotidiani locali, il Perugia torna a ‘tirare’:  ben 2.300 presenze in più a partita rispetto alle prime tre gare casalinghe del passato campionato

Il Perugia di Castori ha ottenuto nelle prime tre partite casalinghe del nuovo campionato un incremento di circa duemila e più spettatori a partita rispetto al Perugia di Alvini. I numeri sono chiari, a riportarli i tre quotidiani locali, La Nazione, Il Messaggero e Il Corriere dell’Umbria.

Nelle prime tre partite al ‘Curi’ dello scorso campionato, lo stadio perugino registrò 3400 presenze in Perugia-Ascoli 2-3, 3500 in Perugia-Cosenza 1-1 e addirittura 3179 in Perugia-Alessandria 1-1, per una media di 3.359 spettatori; quest’anno il trend è cambiato: 5543 (227 ospiti) in Perugia-Parma 0-0, 5534 (637 ospiti) in Perugia-Bari 1-3, infine 5680 spettatori (1125 ospiti) in Perugia-Ascoli 1-0, alla media di 5.585 presenze a partita, addirittura 2300 spettatori in più per ogni gara.

E se è vero che nel passato campionato la capienza dello stadio perugino era ridotta a 5054 posti a causa dei problemi relativi alla sicurezza e alle restrizioni per il Covid (il famoso 50 per 100 del 50 per 100), è altrettanto vero che nelle prime tre partite di questo campionato, con la capienza salita a circa 8000 posti, i tifosi hanno dovuto fare a meno per la prima volta da sempre della curva Nord chiusa per lavori.

A fronte di una campagna abbonamenti a rilento (appena 1662 abbonati, in attesa di aprirla però anche per i ragazzi della Nord, che dalla prossima interna col Pisa il prossimo 3 ottobre dovrebbero abbandonare la Gradinata e tornare ‘a casa’), di uno stadio vecchio e sempre più fatiscente cui si rende necessario mettere le toppe, ecco un dato che deve incoraggiare e indurre a riflettere: il fuoco del tifo perugino cova sotto la cenere. E se i grifoni di Castori dopo avere rialzato la testa con l’Ascoli riuscissero ad accendere la scintilla nel derby…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "scusate l intrusione ma non si puo sentire che lisi non e un giocatore io sono di pisa e vi posso garantire che da noi a fatto la differenza forse..."

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Annoscorso la squadra mi dava affidamento soprattutto per in trasferta cosa che questAnno la vedi come una una squadretta da salvezzavsebza ambizione..."

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da News