Resta in contatto

Calciomercato

Il Perugia, Goretti e Cacciatore: “Un palo in faccia all’ultimo minuto”

Nella lunga conferenza stampa di bilancio di fine mercato, il Dt biancorosso ha spiegato le dinamiche che hanno portato il Grifo a mancare il colpo per la corsia mancina. “Nesta mi ha rincuorato”.

“Sono giovane nel mio ruolo e se continuerò a fare questo lavoro mi dovrò abituare a prendere pali in faccia all’ultimo minuto“. Il sorriso di Roberto Goretti, nel delineare il clamoroso dribbling sul mercato di Cacciatore, è tra l’amaro e il rassegnato. In conferenza stampa, dopo aver annunciato l’ingaggio di Aleandro Rosi, il Dt del Perugia ha spiegato le dinamiche delle ultime giornate milanesi.

“Avevamo individuato 4 giocatori per il ruolo di terzino sinistro: Cacciatore, Martella, Mazan e Pajac. Con Marko – ha spiegato Gorettiavevamo un accordo personale e sarebbe tornato se non ci fossero state squadre di Serie A interessate, sono strafelice che possa giocarsi le sue carte all’Empoli. Mazan? Alla fine abbiamo preferito non inserire un altro straniero in difesa, mentre Martella e Cacciatore avevano le caratteristiche contrattuali per quel desiderio di voler alzare l’asticella prendendo giocatori di proprietà importanti”.

“Ero molto molto fiducioso – ha aggiunto l’uomo mercato del Grifo –, soprattutto con Cacciatore. Le dinamiche invece mi hanno detto che ho sbagliato, non considerato il Cagliari come avversario ed è stata una sorpresa quando tutto era già fatto. Se c’è una squadra di Serie A inevitabilmente un calciatore tentenna, credo sia una cosa umana. Poi il 31 gennaio a pranzo avevamo praticamente chiuso Martella, poco dopo è intervenuto il Brescia, siamo stati un pelino lenti ed è andato a Brescia”.

Il tutto è nato da una strategia di base. “Non volevo sostituire dei giocatori, la scelta era prendere calciatori molto importanti, che alzavano lo spessore dello spogliatoio, altrimenti rimanere come eravamo. È stato un rischio, abbiamo centrato 3 obiettivi su 4 e non sono soddisfatto. Alla fine ero un po’ deluso dal nostro operato e mi pesava chiamare il mister (Nesta, ndr). Poi le sue risposte – ha concluso Goretti – mi hanno dato la carica per essere positivo perché mi ha detto che abbiamo ragazzi validi, in crescita, e ce l’abbiamo messa tutta per rinforzare la squadra. Ci siamo riusciti per buona parte”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] giocata d’anticipo per Sadiq, alla delusione per le trattative sfumate al fotofinish con Cacciatore e Martella.  Nella conferenza stampa integrale di fine mercato il Dt biancorosso […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Bravissimo.se avesse una disponibilità di danaro maggiore cosa potrebbe fare!!!. Una riflessione ho visto in tv Palermo foggia: leali strepitoso. Ma non era un calciatore del Perugia? ✌?????

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Calciomercato