Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, aperta la crisi casalinga. E l’astinenza di Vido…

L’ultimo ko tra le mura amiche contro il Cosenza è la certezza di un meccanismo che si è inceppato. Il gol è diventato un problema vero, l’emblema è la difficoltà del numero 10.

Tre indizi fanno una prova. Il ko con il Cosenza ha ufficialmente aperto la crisi casalinga del Grifo. Se le sconfitte con Brescia e Palermo erano arrivate al termine di prove comunque di valore del Perugia ma contro avversari di alta qualità, l’ultimo scivolone lascia un segno profondo nel campionato degli uomini di Nesta. E il tecnico, nel dopo gara, è sembrato molto amareggiato proprio per questo.

Il Grifo aveva costruito la sua classifica, nel girone d’andata, quasi interamente in casa. Nel 2019 invece il Curi si è trasformato da fortino in terra di conquista. E c’è di più. Non solo mancano vittorie e punti, la crisi è acuita dalla strada del gol perduta. Nel nuovo anno, in casa, il Perugia ha segnato una sola rete, per altro inutile, contro il Palermo (Melchiorri).

Le difficoltà avvolgono tutto il pacchetto offensivo e in particolare l’uomo che è stato il trascinatore della prima parte di stagione. Contro il Cosenza è arrivata la conferma dei tanti segnali d’allarme delle ultime settimane. Se Vido per buona parte della stagione determinava il gioco del Grifo, ormai lo subisce. Nel match di sabato è stato riproposto trequartista per necessità ma quello spunto di alta qualità valso 8 gol stagionali (7 in campionato e uno in coppa) è finito nel dimenticatoio.

L’ultima firma del numero 10 biancorosso è del 27 dicembre 2018, nel 3-0 contro il Foggia. Poi 5 presenze senza acuti. L’astinenza da gol di Vido è di 300 minuti tondi. Troppi per le ambizioni da grande di un Grifo che ha messo dentro appena 5 palloni nelle ultimi 6 gare giocate.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Il Grifo è in difficoltà, il Venezia ancor di più. Mercoledì la squadra di Nesta è di scena in Laguna per ripartire e, dopo il Cosenza, si trova di fronte l’altro peggior attacco del torneo. Aspetto di per se non troppo indicativo, visto il risultato dell’ultima al Curi. Ecco perché il Grifo deve mettersi alle spalle la crisi casalinga e di gol. […]

trackback

[…] Perugia riparte dalla trasferta di mercoledì in casa del Venezia per mettersi alle spalle la crisi casalinga. La squadra di Zenga, però, reduce dal ko di Livorno nel posticipo, sotto gli occhi del patron […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

vido ha tirato i remi in barca ….

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti