Resta in contatto

News

Harakiri Grifo: il Trapani vince nel recupero, incubo play-out

La squadra di Castori (espulso nella ripresa) passa al Curi grazie alla rete al 92′ di Luperini (1-2). Nel primo tempo il vantaggio siciliano con Grillo e il pari momentaneo di Falcinelli. La squadra di Oddo ha sprecato svariati match-ball

Doveva essere la notte dei verdetti, al Renato Curi. Tutto è invece rimandato. Il Perugia è caduto all’ultimo tuffo (1-2) contro il Trapani, ha sprecato tutto il possibile e si troverà costretto a giocarsi la permanenza in B nell’ultima trasferta di Venezia.

Non è bastato il ritorno al gol casalingo di Diego Falcinelli. La squadra di Oddo è stata beffata nel recupero dalla rete di Luperini perché la legge del calcio difficilente perdona.

Poco Perugia

Il conto delle palle gol ha premiato “ai punti” il Perugia (7-4), in realtà il Trapani ha portato via l’intera posta con merito, giocandosi la salvezza “alla morte” come aveva annunciato Castori. Per i biancorossi c’è stato il destro murato a Falcinelli nel cuore dell’area (9′) e il gol dello stesso attaccante perugino con il guizzo giusto sulla punizione di Dragomir respinta da Carnesecchi (26′). Il Trapani ha trovato il vantaggio con un gran sinistro all’incrocio di Grillo (23′), ha impegnato Vicario con Kupitz (37′) e chiesto un penalty (più sì che no) per un tocco di braccio di Angella (51′). Il match-ball l’ha “ciabattato” Kouan (73′) e Buonaiuto ha sprecando tutto il possibile, comprese due ghiotte ripartenze in campo aperto (80′ e 91′). Melchiorri ha distribuito assist ma nemmeno Nicolussi (82′) è andato oltre un tocco centrale da due passi. Nel recupero il gol-partita di Luperini.

La differenza nel ritmo

Castori ha presentato il classico assetto tutto sacrificio e contropiede con un 5-3-2 raccolto ma “spinto”. Il Perugia è riuscito a pungere solo quando ha fatto viaggiare il pallone veloce e sull’asse Iemmello, Capone e Falcinelli ha costruito la prima palla gol ma Buongiorno ha murato l’attaccante perugino. La contromossa dei siciliani è arrivata alzando il pressing e il vero jolly l’ha pescato Grillo con una fucilata mancina all’incrocio pali (23′) per il vantaggio ospite (0-1). Il Perugia si è trovato nella peggior situazione possibile contro una squadra già difficilmente perforabile, ha però avuto la forza e il tempismo (26′) per reagire con il tanto prezioso quanto atteso ritorno al gol al Curi di Falcinelli (1-1). I grifoni hanno allentato la tensione e il ritmo forsennato dei siciliani ha moltiplicato gli errori tecnici biancorossi.

La legge del calcio

Stesso copione dopo l’intervallo con il rigore chiesto da Castori (poi espulso) per un tocco di braccio di Angella su cross di Kupitz. Gli allenatori hanno attinto a piene mani dalle rispettive panchine, le tossine hanno allungato le due squadre e Kouan ha sprecato da due passi il pallone servito alla perfezione dal Melchiorri. Con il Trapani tutto avanti Nicolussi ha calciato a botta sicura centrando Carnesecchi (82′) mentre Luperini ha segnato in mischia (92′) dopo un miracolo di Vicario. Il Perugia sarà costretto a soffrire e fare risultato  nell’ultima giornata a Venezia. Serve una vittoria per avere la certezza della salvezza, altrimenti saranno determinanti i risultati sugli altri campi (la classifica).

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Da ufficio inchieste

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Questi se vendono pure il padre e la madre

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Hanno voluto far fuori Cosmi,ma il risultato non mi sembra migliorato .Non meritate questa maglia e questa città.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

questi sono e questi ci fanno colare a picco insieme a quell’incapace di Goretti e nullapadre visto come si comporta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

e’ che se ne approfittano perche’ non ce’ il pubblico,, altrimenti rischiavano,, il linciaggio,,,

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Buona parte di questi giocatori sono in prestito e se il Perugia retrocede se ne fregano, quelli di proprietà sono talmente scarsi che per giocare con questa
maglia dovrebbero pagare loro, se non ci sono soldi presidente se ne vada, ce ne faremo una ragione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Che VERGOGNA SIETE RIDICOLI Cosmi vi doveva appendere al muro dentro lo spogliatoio ma conoscendolo lo avrà fatto perché meritate solo questo !!!?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siete talmente scarsi che mio nipote a 6 anni sembra Messi…. Ma vergognatevi… 22 da buttare

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

chat telegram Perugia https://t.me/perugia4chiacchiere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Innanzitutto questa società è calciatori non devono giocare al Curi e non indossare più la maglia del grifo, visto che sono massimo livello 2 categoria è sufficiente giocare a Pila al Trebbio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Mi dispiace Fabio ma chi semina raccoglie …loro questo anno meritano i play out

Roby72
Roby72
1 anno fa

Non abbiamo la cattiveria delle altre squadre tanto vanno tutti via…… Vergogna giusto andare in C! RESETTARE TUTTO DALLA PROPRIETÀ ALLA DIRIGENZA PERUGIA È STUFA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non ce posso crede. Magnati gol da dopolavoristi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siamo in serie c grazie presidente

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News