Resta in contatto

News

Murano si presenta: “Giocare a Perugia aiuta a tirare fuori la fame”

L’attaccante prelevato dal Potenza ha parlato di sè insieme a Stefano Negro. Sul suo ruolo: “Ho giocato sia da esterno che da punta centrale…”

Catapultato nel mondo Perugia (“una squadra di cui non devo certo dire io l’importanza e la gloria”), Jacopo Murano ha subito avuto un’impressione positiva. “Sono arrivato venerdì a Cascia e non ci sono stato nemmeno per 24 ore– ha raccontato – il mister lo conoscevo dall’esterno ed i suoi allenamenti con la palla mi hanno fatto una buona impressione. Il gruppo? Sono ragazzi motivati e ci sono le premesse per fare bene“.

Che giocatore è Jacopo Murano? “Mi reputo un attaccante che attacca la profondità. Il mio idolo fin da quando sono bambino è Ronaldo il fenomeno”. Per quanto riguarda la collocazione in campo ci sarà ancora tempo per trovarla: “Non ne ho ancora parlato con il mister e solo oggi abbiamo fatto un po’ di tattica perché nei giorni scorsi si è fatta corsa e atletica. Io ho giocato sia come esterno che come punta centrale, sia nel 3-5-2 che nel 4-3-3. Sono certo che il mister saprà cosa fare”.

Ha avuto modo anche di commentare il ritorno dei tifosi allo stadio (“Gli stadi vuoti sono stata la cosa più brutta degli ultimi mesi”) e di dichiarare la sua voglia di giocare a Perugia: “In qualsiasi campionato ed ogni anni riesco a trovare stimoli, sennò non giocherei. Una piazza come Perugia ti aiuta a tirare fuori quella fame che ognuno ha dentro di sè”.

 

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Se vogliamo ricostruire la squadra a Perugia devono giocare solo quelli che hanno ancora fame come te quelli che si sentono gia’ sazi possono alzare i tacchi e andare via uno per uno.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Speriamo che n’se rompe… è Murano ??… scherzo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Io credo che le colpe di alcuni , non possono ricadere su quelli che sono arrivati ora… sono le stesse parole di sempre ??? È un copione dalla serie a alla 2a categoria… ma sparare a zero su gente che puo aiutarci a fare bene, mi sembra controproducente per il PERUGIA .. e quindi per chi segue e vive questa passione … non dico di dimenticare, ma di imparare da quanto sucesso…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Mmm…..famo i fatti poi le chiacchiere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Che commenti illuminanti!! Che doveva dì?! Che perdemo 3-0 col Fano la prossima settimana? Ce vorrebbe qualcuno che le riporti ste dichiarazioni, ve lo meritereste… poi però dovete esse contenti visto che si allineerebbe col vostro pensiero… Capisco la rabbia e la frustrazione per la retrocessione di un mese fa, ma ormai sono giorni che appena vola una mosca o parlano persone che non hanno nulla a che vedere con quello che è successo, siete peggio di un ibrido composto da Freud, Leopardi e Schopenhauer.

Federico
Federico
10 mesi fa

Importante che non prende la numero 9 è infettata da iemmello

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Infatti l’anno scorso tutti affamati…peggio del Biafra

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Te l’auguro lmi cocco, la fame già, giusto quilla?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Le solite chiacchiere….poi…….

Daniele
Daniele
10 mesi fa

Murano è forte. Vuole emergere. È cattivo e determinato. Speriamo bene.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Si è visto l’anno scorso, tutti inappetenti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Vede lverso de fe goal

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News