Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, Oddo si conferma mister “partita secca”

La vittoria del Perugia in casa del Sassuolo è una nuova dimostrazione della predisposizione dell’allenatore biancorosso per le gare da dentro o fuori: nella giovane carriera ci sono l’imbattibilità nei play off e più vittorie che sconfitte in Coppa Italia.

Massimo Oddo ha una certa predisposizione per le gare da dentro o fuori. Ci sono allenatori più portati alle “lunghe distanze”, altri specializzati nelle coppe. La carriera del tecnico del Perugia, finora, dice che il “ring” migliore è quello ad eliminazione diretta. La conferma è arrivata con la vittoria del Grifo sul campo del Sassuolo nel quarto turno di Coppa Italia (“Nessuna impresa”).

Nei play off di Serie B, una maledizione per il Perugia, Oddo è ancora imbattuto. Alla guida del Pescara, tra la stagione d’esordio e la successiva culminata con la promozione in Serie A, ha messo insieme 5 vittorie e 4 pareggi in 9 gare giocate con 15 gol realizzati e 7 subiti.

Nel 2014-15 vinse il preliminare a Perugia (2-1) ai supplementari, poi successo (1-0) e pareggio (0-0) nella semifinale con il Vicenza e doppio pareggio (0-0 e 1-1) nella finale con il Bologna. La stagione successiva staccò il pass per la massima serie con due vittorie in semifinale contro il Novara (2-0 e 4-2) e con il successo interno (2-0) e il pareggio esterno (1-1) con il Trapani di Cosmi.

Anche il cammino di Oddo in Coppa Italia è fatto più di vittorie che di sconfitte (6-4). Con il Pescara aveva superato il Sudtirol (2-0) per poi perdere in casa del Torino (1-4) nella stagione 2015-16. Nell’edizione successiva il successo sul Frosinone (3-0) e il ko con l’Atalanta (0-3). Alla guida dell’Udinese il noto 8-3 contro il Perugia di Breda prima della sconfitta di misura a Napoli (0-1), la scorsa stagione il ko a Bologna (0-3) sulla panchina del Crotone.

Nell’avventura perugina in Coppa Italia il percorso di Oddo è netto: vittoria con la Triestina (1-0) e con il Brescia (2-1) al Curi e il prestigioso successo di ieri in casa del Sassuolo (2-1). A gennaio c’è la trasferta in terra partenopea contro il Napoli. Con mister “partita secca” è un po’ più facile credere ai miracoli (Le pagelle dei grifoni con il Sassuolo).

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Fateci caso….. ogni volta che il Mister si è presentato in campo in giacca e cravatta la squadra ha fatto punti. Meno che con Cittadella e Pordenone. Sarà un caso? Io ci credo! Che qualcuno glie lo faccia sapere.

Grifagno
Marco
7 mesi fa

Se rimettesse scarpe da calcio e calzoncini?

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Grande e irripetibile! Mai più Uno così (purtroppo)! Riposa in pace!"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti