Resta in contatto

Le pagelle di Calciogrifo

Vicenza-Perugia 1-2: Chichi glaciale, Burrai magistrale

Il Grifo ha ribaltato la gara al Menti con le reti, entrambe di testa, di Curado e Segre. La squadra di Alvini al massimo della produttività con due chance e due gol: queste le pagelle biancorosse di calciogrifo.it

CHICHIZOLA 6.5

Superato in un lampo e senza colpe da Dalmonte. Preciso sul destro di Giacomelli (55′) e gran riflesso su Da Cruz (75′). In presa alta toglie pensieri ai difensori, glaciale anche al 96′.

ROSI 6

Prestazione di sostanza e in crescendo. Da terzo centrale come nel finale da terzino.

CURADO 6.5

Bruciato dopo 100 secondi, in avanti però è una furia e stampa il gol del pari chiamando la riscossa perugina. Lotta dura e ruvida con Diaw.

DELL’ORCO 6

Tra i pochi, per freddezza e pulizia tecnica, che riesce a far uscire la sfera da dietro senza scottarsi. Incisivo nonostante la freschezza di Dalmonte.

FERRARINI 5.5

Match quasi essenzialmente difensivo per contenere la fisicità di Lukaku, senza però nemmeno azzerare qualche pericolosa leggerezza.

SEGRE 6.5

Si fa rubare la sfera che Chichi è poi costretto a raccogliere nel sacco. Il riscatto arriva con l’inserimento buono di testa e il primo gol stagionale che completa la rimonta biancorossa.

BURRAI 6.5

Con il piede “velenoso” organizza un nuovo assist, ancora da corner. E sono otto. Addomestica la partita giocando un’infinità di palloni senza mai sbagliare la scelta.

LISI 5.5

Eccesso di altruismo con la porta spalancata (16′), la sintesi di un complessivo appannamento. Si spegne nel momento in cui andrebbe accesa la luce.

KOUAN 6

Sovrastato da Bikel per tutto il primo tempo. Meglio quando arretra il raggio d’azione, per poi tornare, con il Grifo in vantaggio, a mettere pressione sui portatori di palla.

MATOS 6.5

Un gran rompiscatole, per potenza e qualità, per ogni difesa e ogni difendente. Svaria, buca la linea veneta e colpisce duro disegnando l’assist del gol da tre punti.

DE LUCA 6

Il giallo per simulazione si traduce in squalifica. Il gol con scippo di palla a Contini è cancellato dal Var che (stavolta!) fa il proprio mestiere. Sgomita e fatica.

BEGHETTO 6

(dal 70′ per Lisi) Contiene bene il massimo sforzo vicentino e mette anche un paio di cross interessanti in area avversaria.

OLIVIERI 6

(dal 70′ per De Luca) Ha il compito di tenere alto il baricentro, i pochi palloni veramente giocabili non restano impressi nel match.

SANTORO 6

(dal 70′ per Segre) L’autonomia limitata si traduce in un quarto di gara con discreto peso specifico nell’evitare brutte sorprese finali.

GHION S.V.

(dall’80’ per Ferrarini) Dentro per aggiungere possesso in mezzo al campo e cercare di congelare i tre punti.

CARRETTA S.V.

(dal 91′ per Matos) Pochissimi minuti.

ALVINI 6.5

Due tiri, due gol, tre punti. Il massimo. Il gol a freddo complica i piani, il “clic” è l’inversione Kouan-Segre, dopo l’intervallo, che spinge in rete, da trequartista, il numero 6. Chiude ancora con la difesa a 4 e la rimonta tiene.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Le pagelle di Calciogrifo