Resta in contatto

Pagelle

Grifo pagelle: Falcinelli tostissimo, emicrania Nzita

Il Perugia è uscito battuto nella trasferta di coppa a Napoli e per Cosmi, nel giorno del debutto, sono arrivati segnali contrastanti. L’attaccante perugino è in crescita

Il risultato, viste le premesse, era un aspetto non squisitamente primario. Il Napoli ha passato il turno con due gol su rigore di Insigne ma, dalla trasferta del Perugia al San Paolo, negli ottavi di Coppa Italia, il neo tecnico biancorosso Cosmi si aspettava segnali rispetto ai vari input forniti nei primi 10 giorni alla guida del Grifo. Le pagelle di CalcioGrifo.

FULIGNATI 6 Super su Lozano (13’), Insigne non gli lascia scampo dagli undici metri. Sicuro per tutta la ripresa.
SGARBI 5.5 Lotta e soffre contro la fisicità di Llorente.
GYOMBER 6 Ultimo combattivo baluardo. In palla.
FALASCO 5.5 Ci lancia troppo spesso il cappello.
ROSI 5.5 Schiacciato in basso da Insigne, si liberà in parte nella ripresa.
FALZERANO 6 Buon motore e pochi sbocchi. Meglio alla distanza.
CARRARO 5.5 Prova ad alzare il pressing su Ruiz, c’è la visione ma senza brillantezza (72’ KONATE sv Discreto impatto).
BUONAIUTO 5 Esperimento dall’esito improduttivo. Spreca pure una ghiotta superiorità numerica (55’ DRAGOMIR 6 Aggiunge fosforo).
NZITA 5 Gioca su una fune a dieci metri da terra. Lozano scompare e riappare: non lo vede mai e lo stende a ripetizione. Chiude col mal di testa.
FALCINELLI 6.5 Caricato dall’effetto Serse e dall’aria del San Paolo: partita tostissima. Assiste Iemmello, rimedia il penalty e va vicino al gol con un gran colpo di testa.
IEMMELLO 5 Sfiora subito il bersaglio, poi ci mette un gomito galeotto. Non è giornata e dal dischetto si fa ipnotizzare da Ospina dopo i 7 centri su 7 in campionato (62’ MELCHIORRI 5.5 Buona vivacità ma senza il giusto feeling).
COSMI 6 Esordio proibitivo ma “geneticamente” positivo. Cerca ritmo e concretezza, arrivano segnali di intesa fra le stelle offensive.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Michele
Michele
5 mesi fa

La differenza più netta che si è evidenziata secondo me fra squadre di diversa categoria, a parte la velocità di gioco e di passaggio, sono state le ripetute ed inutili (in presenza di Var) proteste plateali, lamentele e “schiaffi” alle bandierine, che come al solito portano ammonizioni inutili.

Stefano
Stefano
5 mesi fa

Onestamente credo che Falzerano e Falcinelli siano stati i migliori

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Grande e irripetibile! Mai più Uno così (purtroppo)! Riposa in pace!"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Pagelle