Resta in contatto

News

Perugia, Santopadre: “Criticato da chi mi chiedeva lavoro”

Il presidente ha toccato molti argomenti nella conferenza di (ri)presentazione di Comotto a Perugia. Sull’ex dt ha detto: “Insieme non avevamo più l’energia necessaria, ma non avevamo ancora parlato di budget”

Massimiliano Santopadre in conferenza stampa ha voluto mettere i puntini sulle i. Dopo quella di addio di Goretti, con quella di presentazione di Comotto si apre un nuovo ciclo. Il presidente ha voluto parlare insieme al dg per precisare diverse cose relative alla situazione societaria. Ha smentito l’arrivo di proposte di acquisto (“Chi si è fatto avanti non aveva soldi suoi e parlava per conti di un ipotetico fondo che poi non si è più fatto vivo”) e dei soldi investiti (“Nessuno ricorda gli 8,7 milioni spesi per i cartellini. Tutto ciò che abbiamo incassato dal Perugia lo abbiamo reinvestito in infrastrutture e giocatori“).

Santopadre ha voluto rispondere anche a chi lo accusa di vivere poco la città: “Quando mi invitano vado dappertutto come nelle scuole. Vivo a Perugia quando posso avendo una famiglia ed un’attività a Roma, ma qui ho tanti amici. Mi arrivano critiche da persone che mi avevano contattato per un ruolo nel Perugia, dove siamo 50 lavoratori e non possiamo diventarne 250“. Il presidente ha anche ricordato il percorso fatto da lui insieme al Perugia: “Abbiamo costruito una casa mattone dopo mattone. Il nostro progetto, come dissi in conferenza il primo anno di Serie B, è iniziato con molti prestiti ed ora ha 20 giocatori di proprietà. Ogni anno in b le società cambiano dai 7 ai 12 giocatori ed ogni anno ci sono 7 società diverse su 20. La nostra casa ora sembra crollata, ma il Perugia è una società sana e forte e vogliamo recuperare subito la retrocessione“. Cosa è mancato? “La continuità nella guida tecnica. A volte è dipeso da noi, a volte dagli allenatori che non sono voluti rimanere“.

Il saluto a Goretti ed il benvenuto a Comotto

Ha voluto dedicare un pensiero anche a Goretti durante la conferenza: “Il primo punto del nuovo inizio è stata la presa d’atto fatta insieme a lui a 48 ore dallo spareggio. Eravamo a fine corsa, ma sono stati 8 anni bellissimi ricchi di tante gioie prima dei dolori di questa stagione. Con lui non c’è stata e non ci sarà mai nessuna rottura. Non avevamo ancora parlato di budget, ma insieme non riuscivamo più ad avere l’energia necessaria

Santopadre ha dato il benvenuto a Comotto: “Sono onorato di avere al mio fianco Gianluca, uno che ha dato tantissimo in campo ma anche e soprattutto fuori dal campo. E’ una persona seria, stimata e stimabile

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Forza Perugia

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Bla bla bla

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Lacrime di coccodrillo

Massimo
Massimo
2 mesi fa

Basta critiche.
Si deve ricominciare e remare tutti nella stessa direzione.
Forza Grifo!!!!!

Luca
Luca
2 mesi fa

Mi sembra palese che tutti abbiamo il sentore che alcuni giocatori hanno venduto molte partite e campionato. Questo è il calcio italiano. Aggiungi curva politicizzata estremista, guai se ti disallinei. Stadio fatiscente. Covid. Economia regionale spaventosa, è relativo disinteresse imprenditoriale Spettacolo in campo indegno per qualità tecniche e morali dei protagonisti. Il calcio qui è finito.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Vai a cacare bandaruola

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Certo che, un presidente che fino a ieri, bene o male era rispettato perché i conti, in teoria, erano a posto, e alla fine si manteneva la categoria pur storcendo la bocca, oggi, a queste condizioni e con questo perseverare nel suo modo di fare, come si fa ancora ad accettarlo? Per me è una persona sepolta, e mi auguro si allontani il più presto da Perugia, spero di sbagliare, ma credo che con lui, vedremo tempi molto più bui del presente.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Dajeeeee!!!! Forza press.!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Noi prima o poi torneremo … Non so con che faccia ti presenterai sotto la nord … Buffone!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ip lavoro alle Poste…a per fortuna che nn lavoro ler te perché a me il 27 cadcasse il mondo mi pagano.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

VEDI FARE IL PRESIDENTE NON E’ DA TUTTI FACILE FARE L’ INCHINO DAVANTI ALLA CURVA QUANDO SI VINCE MA LA CURVA ED I SUOI RAGAZZI VANNO RISPETTATI SONO LA LINFA DEL TIFO TU TE NE ANDRAI PRIMA O POI NOI RESTEREMO SEMPRE SE TU CON IL PESCARA FOSSI USCITO CON I RAGAZZI DIETRO LA CURVA STANDO IN SILENZIO DUE MESI FORSE AVRESTI GUADAGNATO QUELLA COSA CHE SI CHIAMA RISPETTO OPPURESARESTI INTERVENUTO INVECE DI PRENDERTELA CON GLI ALLENATORI FORSE LA SOLUZIONE SAREBBE STATADIVERSA

Daniele
Daniele
2 mesi fa

Santopadre sei il solito raccontatore di panzane. Dai sempre la colpa agli altri. Ci hai fatto retrocedere in Lega Pro nel disonore. Hai fatto una cosa schifosa. SANTOPADRE CON PERUGIA ED I SUOI TIFOSI HAI CHIUSO!!!!

Marco
Marco
2 mesi fa
Reply to  Daniele

Ricordati dì Covarelli, almeno lui sta lottando e non fa il disfattista come te. Vai a vedere il pianello se non ti piace Santopadre

Advertisement

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Un'allenatore che allenando una provinciale rimane imbattuto dice gia'tutto. Vogliamo parlare dell'uomo dal punto di vista umano? Beh all'epoca del..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Io non da perugino primo anno di università,in quella domenica fredda e piovosa al gol di cecca mi innamorai del grifo...."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News